La situazione già è gravissima. Ma adesso è necessario non renderla peggiore

No Picture

Da settimane conviviamo con tutti gli effetti nefasti provocati dal maledetto coronavirus. Con particolare riferimento a quelli sanitari e a quelli economici. Che hanno travolto sia i colossi produttivi mondiali, che i piccoli negozi di vicinato. E che hanno cancellato anche quelle già magre risorse, con le quali realizzavamo questo giornale. Ma la richiesta avanzataci dai nostri lettori (sulla scorta di quanto sta accadendo ai quotidiani), di continuare a riceverlo a casa, senza dover uscire; la disponibilità palesata dalla tipografia e la necessità di dover divulgare alla cittadinanza una serie di “fatti e misfatti”, ci inducono a procedere lungo il nostro percorso informativo. Che, purtroppo, deve documentarvi un’amministrazione comunale non all’altezza del momento che stiamo affrontando e di un sindaco, che produce in successione una serie di video-monologhi propagandistici; una serie di atti errati; che litiga con una parte dell’opposizione e con il mondo del volontariato; che implementa il suo ufficio staff (con esborso di denaro pubblico), proprio quando il Comune è inaccessibile!! Un Lettieri ormai attore “rodato”, che passa dall’accensione del cero pasquale in un cimitero deserto, al capeggiare un lungo corteo serale di auto della Polizia Municipale (si dice che c’erano meno vetture, quando arrestarono Zagaria). Dal bloccare di nuovo il Corso Italia con i Vigili Urbani, per farsi fotografare al centro dello stesso con i lavoratori della ditta che raccoglie i rifiuti, al farsi riprendere accanto ai pacchi con il “Pesce d’Aprile” (leggi di seguito). Acerra invece aveva bisogno che il sindaco: sospendesse il pagamento dei tributi locali fino a fine emergenza, così come accaduto in altri Comuni (Marigliano, Qualiano, Capri, Casalnuovo, Mugnano, Baronissi ecc.) e così come richiestogli dai Consiglieri Auriemma, Zito e Catapane. Che non impiegasse settimane, per distribuire agli aventi diritto i Buoni Spesa, dopo aver ricevuto dal Governo, fin dal 30 marzo, la somma di 561.958,95 euro. Che reperisse in un Bilancio, che vanta di godere di buona salute, risorse utili a favore delle attività commerciali ormai chiuse e delle famiglie in difficoltà. Che mettesse in campo misure di igienizzazione e sanificazione concrete, come quelle citate nelle pagine interne (e con relativo calendario divulgato alla cittadinanza). Ed invece abbiamo assistito: alla “revoca” del bando per il reclutamento di volontari da iscrivere nel gruppo comunale della Protezione Civile; al caos sorto sulla…

LEGGI TUTTO »

Pacco, doppio pacco e contro paccotto. Quello di Lettieri, però.

No Picture

La modalità con cui venivano gestiti i Buoni Spesa ed i pacchi alimentari, da erogare alle famiglie in stato di indigenza o di difficoltà economica, nell’ambito delle misure prese dal Governo centrale e da quello locale in piena emergenza coronavirus, rivela tutta l’incapacità dell’amministrazione comunale targata Lettieri, nell’affrontare una simile situazione. Tant’è vero che, nonostante che il Governo avesse trasferito, già il 30 marzo, nelle casse comunali la somma di 561.958,95 euro, i suddetti buoni spesa ancora non sono stati distribuiti!! Addirittura solo 48 ore prima di Pasqua il Comune, che aveva ricevuto un elevato numero di istanze, ha incaricato una ditta per l’assistenza tecnico specialistica per la gestione online per l’erogazione del buono spesa. E che la situazione in città già fosse esplosiva, lo testimoniavano gli assembramenti dei tanti nuclei familiari richiedenti le confezioni alimentari a piazza Duomo ed erogati dalla Caritas. Intanto altri Comuni (come Pozzuoli), che avevano ricevuto il finanziamento governativo, hanno già distribuito alle famiglie istanti i ticket spesa ben prima di Pasqua!! Innanzitutto occorre partire dalla lettera datata 02.04.2020 ed indirizzata al primo cittadino ed al suo esecutivo, nella quale i Consiglieri Carmela Auriemma, Domenico Zito e Domenico Catapane scrivevano: “Con i 561.958,95 euro erogati, ora è possibile procedere ad una programmazione e realizzazione di alcuni servizi, nonché la possibilità di valutare ed adottare le varie misure di sostegno. In primo luogo è necessario che gli uffici competenti procedano con urgenza, ad individuare risorse economiche dai capitoli di bilancio, che riguardino spese non necessarie o comunque non legati a costi fissi e dai capitoli di spesa che, prudenzialmente, sono stati maggiormente rimpinguati (come già fatto con Delibera di Consiglio comunale n.14 del 12.04.2019, con la quale si stanziarono quasi 140.000,00 euro per eventi “Il Gira-Castelli ndr” non previsti nel bilancio di previsione, approvato nel dicembre 2018, recuperando risorse dai capitoli di spesa). Si intercettino altresì risorse non spese dello scorso bilancio, per aiutare le attività commerciali, che hanno subito la chiusura improvvisa e le famiglie maggiormente colpite. Con riguardo a queste ultime riteniamo importante, già da ora, organizzare una piattaforma permanente di solidarietà che possa garantire, al di là delle singole associazioni di volontariato e delle donazioni dei singoli cittadini, un’assistenza alle famiglie più deboli. A distanza di quasi un mese dall’inizio del…

LEGGI TUTTO »

I pacchi di Lettieri: ecco tutto quello che il sindaco non vi dice nei suoi video-monologhi

No Picture

In merito all’erogazione dei pacchi alimentari e dei buoni spesa, di cui si riferiva in precedenza il sindaco Lettieri, resosi conto di essere in ritardo, nel varare la graduatoria degli aventi diritto di questi ultimi e nella loro distribuzione alle famiglie indigenti o comunque ai nuclei familiari residenti in città più esposti agli effetti economici negativi determinatisi, indiceva una gara tra otto ditte specializzate nel settore alimentare, per la fornitura di 2000 pacchi alimentari. Gara alla quale non perveniva alcuna offerta entro le ore 13:00 del giorno 8 aprile e che pertanto andava deserta. Veniva allora contattata la ditta “La Nuova Tirrenica” che, il giorno successivo, presentava un’offerta pari a 19,97 euro a pacco al netto dell’iva, per un totale di fornitura di euro 42.821,60 (iva compresa). Ma cosa conteneva ciascun pacco? 1 confezione di sei fette biscottate; 1 kg. di zucchero; 1 kg. di sale; 1 confezione da 12 di tonno; 1 litro di olio extravergine di oliva; 2 confezioni di latte parzialmente scremato da un litro e 3 kg. di pasta. Di certo non è questa la sede, per fare valutazioni relative al reale valore o meno di mercato dei prodotti contenuti nelle scatole e forniti dalla suddetta ditta. Circa la quale abbiamo specificato, a quelli che ce l’hanno evidenziato, che non significa niente, che essa sia riconducibile ad un parente di un Consigliere di maggioranza dell’amministrazione targata Lettieri e che, pertanto, a nessuno vengano in mente strane congetture. “Pacchi che – avrebbe specificato il primo cittadino, attraverso un’altra sua apparizione video – anticipano i buoni spesa e non li sostituiscono”. Vero. Ma i buoni spesa permettono di scegliere cosa acquistare da mangiare, mentre un pacco è quello è basta! Pacchi ai quali iniziavano a lavorarci nell’autoparco comunale molti dipendenti del Comune, impegnati sia nell’immettere negli stessi qualche altro prodotto, per “rimpinguarli un pò” e sia nel consegnarli a casa ai richiedenti. Impegnati nella consegna anche il personale della Polizia Municipale versione “corrieri espressi”. Ma sabato 11 aprile ecco il colpo di scena. Ad “arricchire” il contenuto dei pacchi arrivavano dei prodotti ittici di un’altra azienda locale, scaricati presso l’autoparco comunale. Prodotti non distribuiti, però, nel rispetto delle normative vigenti e che causavano l’intervento dei Carabinieri della locale stazione e di quelli del Nucleo Anti-Sofisticazione. E…

LEGGI TUTTO »

Ecco cosa scrive la stampa quotidiana relativamente ai “pacchi pasquali al pesce”

No Picture

In merito all’erogazione dei pacchi alimentari e dei buoni spesa, di cui si riferiva nelle pagine precedenti, era un noto quotidiano, datato 15.04.2020, a riportare il caso dei “pacchi pasquali al pesce”. Ecco di seguito l’articolo redatto da Nino Pannella. “E’ finita solo nel primo pomeriggio di lunedì dell’Angelo (ampiamente fuori tempo massimo, tenuto conto che Pasqua e Pasquetta era già stata superata), la consegna dei pacchi alimentari predisposti dal Comune, per far fronte all’emergenza alimentare provocata dal coronavirus. A fare da “pony express” (sottraendoli ai compiti d’istituto, ovvero di controllo del territorio), oltre ad una consistente squadra di agenti della Polizia Locale, c’erano altrettanti dipendenti comunali che, a bordo delle auto di servizio, hanno provveduto a raggiungere le residenze delle sedicenti famiglie “indigenti”, che avevano presentato richiesta all’Ente, per ottenere i buoni spesi promessi dal governo Conte. Da fonti non ufficiali sarebbero stati distribuiti oltre 2000 pacchi, all’interno dei quali (in almeno un centinaio di questi), i dipendenti del Comune hanno aggiunto pesce scongelato ed una manciata di mitili (ossia cozze). Merce che l’Ente aveva ricevuto in “regalo” dalla stessa ditta, che si era aggiudicata la strana gara per la fornitura degli alimenti. Misteriosamente poi, dopo l’arrivo dei Carabinieri, mitili e pesce sono spariti dalla circolazione. Sul posto anche i Nas di Napoli che, per quanto è stato possibile sapere, hanno fatto restituire pesce e cozze all’impresa che, in mattinata, li aveva consegnati (con tanto di bolla di accompagnamento), nelle mani di un volontario del Nucleo comunale della Protezione Civile, divenuto così di diritto e di fatto (secondo le vigenti normative in materia), responsabile dell’anomala fornitura. Intanto nel garage dell’ente, divenuta una pescheria a tutti gli effetti, è stata notata la presenza di 4 dipendenti della ditta fornitrice del pesce, i quali hanno provveduto ad imbustare il pesce (senza alcun rispetto delle rigide norme per il confezionamento del pesce surgelato, che poteva essere imbustato, ma solo nei locali autorizzati), in sacchetti con tanto di logo della loro azienda. Un vero e proprio papocchio che, in tempi e luoghi diversi, i poliziotti municipali avrebbero provveduto, senza alcun tentennamento, a sanzionare, sequestrando la merce e denunciando all’autorità giudiziaria, coloro trovati in possesso degli alimenti. Ma tant’è”.

LEGGI TUTTO »

Finisce sulla stampa quotidiana il caso del drone acquistato dal Comune presso un parente del sindaco

No Picture

Era un noto quotidiano, datato 11.04.2020, a riportare il caso dell’acquisto di un drone da parte del Comune e riscontrabile dalla Determina dirigenziale n.445 dell’8.4.2020. Ecco di seguito il testo dell’articolo. “L’associazione ambientalista dei Volontari Antiroghi si era offerta di fornire gratuitamente al Comune droni e piloti professionisti, per stanare dal cielo gli incivili, che violano le leggi anti-contagio, scorazzando a bordo di auto e moto, oppure assembrandosi su strade e piazze. Ma il Comune ha snobbato l’offerta degli ecologisti – si legge nell’articolo – ed ha acquistato un drone di 5 mila euro da un cugino del sindaco, che in città fa il fotografo. Il parente del primo cittadino ha presentato al Comune il preventivo poi approvato. Intanto i Volontari Antiroghi hanno presentato un esposto all’Anac, l’Autorità Nazionale Anti-Corruzione. “In una fase così drammatica per tutti, anche sotto il profilo economico – lamenta Alessandro Cannavacciuolo, dei Volontari Antiroghi – hanno speso migliaia di euro per un acquisto affidato ad un parente del sindaco, nonostante avessimo offerto i nostri droni ed i nostri piloti professionisti, proprio per evitare inutili e pesanti esborsi”. Nell’esposto inviato all’Anac – prosegue l’articolo – Cannavacciuolo afferma che il drone, acquistato dal Comune con tutti gli accessori, costa molto meno, di quello che è stato pagato. Il drone dovrà essere dotato di un’assicurazione contro eventuali danni a cose e persone e, soprattutto, dovrà essere pilotato da personale abilitato dall’Enac, l’Autorità Nazionale per l’Aviazione Civile. “Altre spese – aggiunge Cannavacciuolo – quando in quest’emergenza si potevano evitare, per dare più possibilità ai tanti cittadini, che stanno facendo la fila alla Caritas per un pò di cibo”. L’atto di affidamento alla ditta intestata al parente del sindaco (l’azienda porta il suo nome), è stato motivato dall’evolversi della situazione epidemiologica, al fine di contenere il contagio da coronavirus, limitando al massimo gli spostamenti delle persone sul territorio comunale. Occorre dunque dotare nell’immediato l’Ente di un drone professionale – si aggiunge nell’atto amministrativo – ed allo scopo è stata contattata la ditta “S.M.F.e C. snc”, che ha inviato un preventivo per l’importo complessivo di euro 4940,00. La determina – conclude l’articolo – specifica, che ai sensi del Decreto Legge n.50/2016, gli affidamenti di importo inferiore a 40 mila euro procedono mediante affidamento diretto, anche senza previa consultazione di…

LEGGI TUTTO »

Volontari Protezione Civile aggrediti con bastoni

No Picture

Erano in giro con la vettura di servizio, una Fiat Panda, per diffondere alla cittadinanza in più lingue l’invito a restare a casa e a seguire i comportamenti più idonei durante il periodo dell’emergenza coronavirus. Ma all’improvviso venivano aggrediti con bastoni e mazze da alcuni giovani, alcuni dei quali forse anche minorenni. Protagonisti della disavventura due volontari del nucleo comunale della Protezione Civile, che venivano attaccati durante le ore serali a via Caporale, in pieno centro storico, da alcuni giovani del posto e fatti oggetto di lanci di bastoni e di pietre. Oltre che di insulti verbali. Per evitare conseguenze peggiori, i due lasciavano la zona, avvisando subito dell’accaduto le Forze dell’Ordine. Le quali prontamente si portavano sul luogo dell’aggressione anche se i malviventi, nel frattempo, avevano fatto perdere le proprie tracce. A seguito dell’azione delinquenziale nessuno dei due volontari riportava ferite, nè la vettura veniva danneggiata.

LEGGI TUTTO »

Raffaele Lettieri ai tempi del coronavirus

No Picture

Era un Raffaele Lettieri versione “anti-virus”, quello che scendeva in campo nelle scorse settimane a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza da coronavirus. Al di là delle riunioni operative e dei tavoli tecnici svolti, colpivano i maxi-manifesti colorati fatti affiggere in città sui tabelloni destinati al referendum costituzionale sul taglio del numero dei parlamentari, ormai rimandato in autunno. E tra i manifesti, che riproducono un primo cittadino dal volto serissimo ed aventi lo scopo di informare e comunicare alla popolazione sui corretti comportamenti da tenere, per arginare il diffondersi del contagio e costati 2800,00 euro, ne spicca uno in particolare. Quello in cui il sindaco invita “ad evitare di recarsi ai centri commerciali, ma di comprare invece nelle botteghe sotto casa”. Peccato che spesso le botteghe sotto casa, verso le quali ci indirizza la fascia tricolore, si presentano con la merce esposta sui marciapiedi, agli agenti atmosferici ed agli scarichi dei veicoli in transito!! E non è l’unico caso. Per non parlare dell’altro messaggio contenuto nel manifesto, che testualmente recita: “Le persone anziane o con patologie pregresse, evitino uscite non strettamente necessarie”. Ma come, sta invitando ad uscire, quando non è strettamente necessario? E’ evidente, che nella frase manca un se prima del non, Ma purtroppo queste sono le magre figure in cui si incorre, quando ci si affida a persone dal livello culturale approssimativo. E nemmeno l’Ufficio Staff del sindaco, di recente “irrobustito” con altre unità regolarmente retribuite, hanno supportato Lettieri in questa circostanza? Non mancano poi le autobotti, immortalate anche sulla pagina facebook del sindaco dei video-monologhi, che attraversano le strade cittadine, irrorando sulle stesse acqua frammista ad agenti antibatterici. Bene. Ma oltre alle sedi stradali, lungo le quali procedono i veicoli, non vanno sanificati ed igienizzati, magari durante le ore notturne, con l’utilizzo delle lance, anche gli arredi urbani ed i marciapiedi, lungo i quali camminano i pedoni, che poi fanno ritorno alle proprie abitazioni? Ed invece sui marciapiedi non viene irrorato proprio nulla, come da rilievo fotografico pubblicato sulla pagina facebook del primo cittadino!! Eccezion fatta per le strade più anguste. E chiudiamo con una chicca, che vede protagonista il fiore all’occhiello del sindaco, ossia il Comando della Polizia Municipale. Di cui due agenti, martedì 10 marzo, imponevano la chiusura di un tabaccaio,…

LEGGI TUTTO »

Sanificazione di marciapiedi ed arredi urbani: le note “dolenti” al sindaco Lettieri

No Picture

La mancata (o sporadica) sanificazione ed igienizzazione, da parte del Comune, di molte strade del territorio comunale durante i terribili giorni dell’emergenza coronavirus ma, soprattutto, dei marciapiedi, lungo i quali camminano i pedoni, con l’utilizzo delle lance, dotate di un getto forte, scatenava le proteste di molti cittadini ed induceva alcuni Consiglieri comunali di opposizione, a scrivere agli organi competenti. Ne era un esempio la nota, datata 16.03.2020, a firma del Consiglieri Carmela Auriemma; Domenico Zito e Domenico Catapane, avente ad oggetto “le misure di prevenzione Covid-19. Pulizia e sanificazione strade”. Nota indirizzata al Sindaco Lettieri (prima autorità sanitaria della città ndr); all’Assessore all’Ambiente e all’Igiene Urbana C.Lombardi; all’Assessore al Verde Pubblico G.Di Nardo; al Dirigente all’Igiene Urbana S.Pallara; al Direttore Esecutivo del Contratto stipulato tra Comune e società Tekra C.Pacella; al Dirigente ad interim della Polizia Municipale V.Ascoli; al Dirigente all’Ambiente, nonché Segretaria generale (nominata per l’occasione dal sindaco, con tanto di Decreto, anche responsabile della Protezione Civile) M.Piscopo e all’Asl Napoli 2 Nord. “La presente per segnalare – inizia la nota – che sono arrivate agli scriventi consiglieri numerose segnalazioni da parte dei cittadini, che lamentano una scarsa pulizia e sanificazione delle strade, soprattutto di quelle che afferiscono ai corsi principali. Nello specifico la pulizia e sanificazione avviene esclusivamente sul manto stradale, lasciando totalmente sguarniti i marciapiedi, che risultano essere, senza dubbio, i tratti maggiormente frequentati dai pedoni. Al fine di poter dare massima attuazione alle misure di contenimento della diffusone del virus Covid-19, oltre alla pervicace azione che il Comune sta mettendo in opera, per evitare che ci siano violazioni delle misure di contenimento relative alla circolazione dei cittadini è necessario, a nostro parere, attuare anche una tenace azione di disinfezione e sanificazione delle nostre strade ma, soprattutto, anche dei marciapiedi. Comprese le panchine e le mura attinenti, così come indicato anche nelle prescrizioni ministeriali, attraverso l’utilizzo dell’idrogetto e delle otto spazzatrici, dotate di lance, del parco automezzi del gestore del servizio di igiene urbana. Inoltre – proseguiva la lettera – del tutto assente è il servizio di sanificazione di alcuni quartieri periferici e popolosi di Acerra con grande malcontento dei cittadini. Utile, ad esempio, sarebbe pubblicare sul sito istituzionale del Comune, un calendario, indicante le zone interessate giornalmente dalla pulizia delle strade, in modo…

LEGGI TUTTO »

Mascherine e detergenti venduti a caro prezzo sui social: denunciata

No Picture

Veniva scoperta e denunciata dai Carabinieri della locale stazione, agli ordini dal Maresciallo Giovanni Caccavale, una donna di 40 anni residente nel popoloso rione Buozzi, che si era attrezzata, utilizzando i social, per vendere a prezzo maggiorato di mille volte detergenti, sanificanti, guanti e mascherine. La donna, originaria di un Comune del casertano ma da tempo residente in città, aveva messo l’annuncio su un gruppo locale, annunciando la vendita dei suoi prodotti ed attirare così i clienti. Ovviamente i Militari dell’Arma, ricevuta la notizia che era in atto una tipica attività di sciacallaggio, si attivano subito, individuando l’intraprendente venditrice, che veniva trovata in possesso di poche decine di mascherine, che vendeva al prezzo maggiorato del 1000% rispetto all’originale prezzo d’acquisto. A seguito di un’accurata perquisizione presso il domicilio della donna, che aveva attivato una vera e propria attività commerciale oltre alle mascherine, veniva rinvenuta anche una discreta quantità di materiale igienizzante (circa 24 confezioni di prodotti igienizzanti) e 3 confezioni di guanti monouso, sulla cui provenienza avviavano indagini i Carabinieri. I quali, unitamente a quelli del Nucleo Anti-Sofisticazioni di Napoli, sequestravano tutta la merce. Per la 40enne, ideatrice della manovra speculatrice, scattava la denuncia in stato di libertà per il reato di aggiotaggio e ricettazione, oltre ad una sanzione amministrativa dell’importo pari a 5 mila euro.

LEGGI TUTTO »

Tre dipendenti comunali “spediti” dinanzi alla Commissione per i Provvedimenti Disciplinari

No Picture

Erano tre i dipendenti comunali “spediti” dinanzi alla Commissione per i Provvedimenti Disciplinari (UPD). Lo si evince dalla Determina dirigenziale n.322 del 06.03.2020. Commissione convocata per il 27 marzo 2020 (poi rinviata al 15 aprile e, infine, a data da destinarsi), dinanzi alla quale devono finirci tre dipendenti “storici” del Comune, nei confronti dei quali è stato attivato il procedimento disciplinare, a seguito di contestazione, poi trasmessagli. I fatti risalgono allo scorso 5 marzo, quando il personale della Polizia Municipale, a seguito di segnalazioni ricevute e verificate attraverso registrazioni video del sistema di videosorveglianza della Casa comunale, rilevavano che presso la garitta, posta in adiacenza al cancello carrabile, posto a chiusura del piano interrato, si trovava uno dei tre dipendenti interessati dal provvedimento disciplinare. Ed è presso la garitta, che si presentavano a piedi due persone estranee all’Ente che il dipendente comunale, dopo un breve colloquio, lasciava passare liberamente, indicando loro la direzione da seguire. Molto probabilmente i due si erano diretti alla sede della Protezione Civile, facendovi ritorno dopo qualche minuto ed allontanandosi poi dal Comune. A questo punto il Vice-Comandante dei caschi bianchi Domenico De Sena, unitamente ad un sottufficiale, redigeva una relazione di servizio, affinchè si valutassero gli eventuali provvedimenti da adottare, poi trasmessa al Dirigente ad interim della Polizia Municipale Vito Ascoli. La “colpa” dei dipendenti in servizio presso l’accesso carrabile di via Palatucci, sarebbe stata quella di non aver adempiuto ai loro compiti e di aver violato le norme sulla sicurezza, consentendo l’accesso pedonale ad estranei non autorizzati, in zone interne al Comune. Da qui scattava la contestazione di addebito a carico dei tre, recante la firma del Segretario generale dell’Ente comunale e la conseguente convocazione degli stessi, per sostenere il contraddittorio. Dalla data di notifica della convocazione dinanzi alla Commissione disciplinare, composta dal Dirigente ad interim della Polizia Locale Vito Ascoli; dal dott.Giuseppe Gargano e dal Segretario generale Maria Piscopo – Presidente), i tre dipendenti avevano venti giorni di tempo, per presentarsi spontaneamente, per rendere dichiarazioni o presentare memorie o per depositare documentazione relativa ad eventuali indagini difensive svolte. Assistiti, in ciò, eventualmente, dal proprio legale o da un rappresentante dell’associazione sindacale, cui abbia aderito o conferito mandato. A rigor di logica si profilava una vera e propria “stangata” per i tre…

LEGGI TUTTO »
eXTReMe Tracker