Home » Senza categoria

Il Consiglio comunale vota compatto sul ricorso al Tar contro la società “Eco.Drin”

La questione Eco.Drin, dunque, incardinata in una discussione sulle politiche ambientali, portava alla stesura e all’approvazione di un documento unitario, votato all’unanimità dei presenti e nato a seguito di un’ampia discussione svoltasi nella Pubblica Assise dello scorso 30 ottobre (di cui riferiamo nella pagina accanto). Documento che termina, tra l’altro, con la richiesta di adire le vie legali contro la società sopra citata, presentando ricorso al Tar Campania. Ecco di seguito il testo del documento licenziato dal Civico consesso. “Il Consiglio Comunale premesso che: in data 09/10/2013, la Regione Campania con Decreto Dirigenziale n.179 ha approvato il progetto presentato dalla società Eco Drin srl per un impianto di gestione di rifiuti pericolosi e non pericolosi sito in Acerra zona ASI località Pantano; preso atto che la Conferenza dei Servizi, espletata in Regione sulla questione Eco.Drin. ha visto esprimere parere contrario del Comune di Acerra per le motivazioni contenute a verbale, mentre la stessa si è determinata favorevolmente per il rilascio dell’approvazione del progetto impianto di gestione dei rifiuti pericolosi e non pericolosi. Considerato che l’impianto di gestione rifiuti pericolosi e non pericolosi sito in zona Asi va ad aggiungere al nostro territorio un’ulteriore azienda di smaltimento rifiuti e pertanto inquinante. Il territorio del Comune di Acerra ha porzioni, più o meno ampie, con un inquinamento sopra il limite previsto da legge, cosi come dalla relazione Arpac. Ravvisato che il Comune nell’articolazione del Consiglio comunale deve respingere con forza l’indirizzo che sta assumendo la zona Asi in virtù di un disegno politico che parte dai tempi di Bassolino, dove si pensa di far diventare Acerra “La pattumiera della Campania”. Per le considerazioni sopra esposte viene meno la battaglia ambientale, che sta sostenendo con forza quest’amministrazione sulla necessità di richiedere in tutte le sedi le bonifiche ed i ristori ambientali, che Acerra ormai chiede da tempo. Forte è la paura dei cittadini, che ormai vedono nell’inquinamento ambientale la prima causa di mortalità per tumori. Nel corso del Consiglio comunale odierno, sentita la relazione del Dirigente comunale del servizio ambiente, che riscontrata la nota della commissione ambiente che ci sono elementi per impugnare l’atto davanti al Tribunale entro il 19 novembre 2013. Preso atto che sono già pervenuta al Comune le richieste di autorizzazione di altre aziende di rifiuti (Italambiente, Atr…

Read More »

Edizione Integrale del 24 Settembre 2012

  Clicca qui per scaricare l’Edizione Integrale del 24 Settembre 2012

Read More »

Edizione Integrale del 12 Marzo 2012

Clicca qui per scaricare l’Edizione Integrale del 12 Marzo 2012

Read More »

Per non dimenticare

Si avvicina la data di scadenza delle elezioni amministrative, previste per la prossima primavera ed in città si registra già un certo fermento. Con ritmo frenetico personaggi noti della politica locale si accingono a contattare il prescelto di turno, da inserire nelle liste per la candidatura al Consiglio Comunale (il quale difficilmente verrà eletto) e a riaprire le proprie sedi di partito, opportunamente (per loro) chiuse all’indomani delle elezioni amministrative del 2009 che, ricordiamolo,  videro affermare la coalizione ibrida del centro sinistra e l’investitura a Sindaco di Tommaso Esposito. L’attenzione degli addetti ai lavori è focalizzata sui proclami di campagne tesseramento e/o probabili congressi cittadini dei partiti di destra, sinistra e centro, al termine dei quali emergerà soltanto la supremazia del gruppo politico vincente sull’altro, ma di temi da affrontare sulla risoluzione delle problematiche locali o su quali iniziative porre in essere per lo sviluppo economico del paese, neanche un minimo accenno. Proviamo, allora, a tentare di spostare l’attenzione su argomenti che stanno più a cuore agli acerrani ma, soprattutto, facendo esercizio di memoria, focalizziamola su quali siano stati gli errori del passato. Acerra, una città a vocazione agricola, ha subito un ventennio e oltre di martirio, che l’hanno radicalmente trasformata e depauperata delle sue radici e culture. La devastazione del territorio causata dall’illecita attività di ecomafie, la programmazione del nostro territorio dalle istituzioni sovra-comunali (di destra e di sinistra) fin dall’Amministrazione Verone e le ordinanza di divieto di coltivazione emanate dal Sindaco Marletta, hanno compromesso seriamente la produzione e il buon nome dei prodotti agricoli nostrani che, con il duro lavoro dei contadini, unito alla fertilità delle nostre terre, si erano guadagnati il marchio DOP. Il blocco delle concessioni edilizie dal gennaio 2005, la mancata approvazione del Puc, gli onerosi ed iniqui balzelli, che ancora gravano sugli acerrani, il trasferimento di fondi destinati alla ristrutturazione delle scuole in favore del rifacimento del manto stradale di via Brescia, i buoni spesa distribuiti ai meno abbienti da utilizzare nella grossa distribuzione a danno dei commercianti locali hanno, poi, inferto il colpo mortale all’economia locale, già provata dalla crisi economica contingente. Una Shoah tutta acerrana perpetrata negli anni, continuata anche dall’ultima Amministrazione Comunale, col Sindaco Esposito costretto nelle vesti di Primo Levi. Ciononostante numerosi manifesti delle varie forze politiche, colmi…

Read More »

Liguori: “I pupari si preparano alla prossima campagna elettorale”

Il presidente dell’associazione O.Si.S. (Organismo di Sicurezza Sociale – sezione di Acerra), Alfonso Maria Liguori, attraverso un manifesto affisso in città lo scorso 27 novembre dal titolo: “Silenzi assordanti”, interveniva sul silenzio della classe dirigente locale, in merito alle tante problematiche, sopratutto ambientali, che affliggono il nostro territorio. “Il popolo acerrano ha cercato di riempire i silenzi, bevendo dolore – scrive l’ex Consigliere comunale – i silenzi sull’ambiente, sull’inceneritore, sulle discariche, sui roghi, sulle 4 centrali elettriche, sull’assenza di un elenco delle aziende inquinanti ubicate sulle nostre terre e sui zero controlli. Silenzi sulle scuole, sui problemi sociali e della povertà, sulla disoccupazione, sulle tasse. Silenzi sulla sicurezza, sugli sprechi, sui problemi dei giovani, abbandonati ai loro dilemmi, sulla mancanza dei servizi essenziali, anche per gli anziani e i meno abili. Chi, come lo scrivente, ha rotto il muro inesorabile del silenzio, duramente è stato attaccato da chi, da anni, dissemina sciupìo, iniquità e cattiva amministrazione. Silenzi devastatori della città. Gli acerrani hanno ingoiato solo apatie e bugie. Le mamme e gli insegnanti hanno cercato di riempire l’immorale silenzio con le lacrime, con la rabbia e con il disgusto. Dai loro occhi si intravede solo la sofferenza e la consapevolezza sulla perenne assenza della classe dirigente. E’ assordante questo silenzio che urla dentro – aggiunge Liguori – provocando solo senso di ingiustizia. E’ un silenzio non vuoto, interrotto solo da proclami elettorali e da maldicenze. Come le talpe, che dal silenzio delle valli mettono la testa fuori per sondare il terreno, così i pupari si preparano alla prossima campagna elettorale, indegno teatrino che interromperà per un mese i successivi 5 anni di indecorosi silenzi. Gli acerrani rivogliono la loro dignità”.

Read More »
eXTReMe Tracker