Home » Politica

Auriemma: “Prima non si pagano le fatture, poi ci notificano l’atto di citazione in giudizio e paghiamo subito sia le fatture che l’avvocato!!”.

Relativamente all’attenzione posta, soprattutto negli ultimi mesi, alle Politiche Finanziarie del Comune, da parte del Consigliere comunale Carmela Auriemma che, ad esempio, volle vederci chiaro su un incarico di assistenza legale affidato all’avvocato Antonio Sasso, la stessa cercò di evidenziare che, laddove era possibile, occorreva evitare un aggravio di spese per l’Ente comunale a seguito di messe in mora, interessi maturati, ingiunzioni di pagamento, citazioni in giudizio, nonché di tutte le posizioni debitorie, che il Comune ha contratto o contrae nei confronti di terzi. Quasi che volesse focalizzare l’attenzione sulla “prassi”, spesso adottata dagli uffici comunali dediti ai Servizi finanziari o, per meglio dire, dal suo Dirigente, G.Cascone. Infatti, “soprassedendo” più volte, nel liquidare somme dovute dal Comune a terzi o corrispondendo gli importi con rilevante ritardo, si finisce per creare notevoli danni erariali ai contribuenti locali, tra i suddetti interessi maturati, messe in more ed evitabili incarichi legali affidati. Denaro pubblico prelevato dalle casse comunali, spesso in somme ingenti. Un concetto ribadito dal Capogruppo pentastellato anche durante il Consiglio comunale del 30 aprile scorso, a seguito di un modus operandi verificatosi anche a cavallo tra la fine del 2019 e l’inizio di quest’anno quando il Comune, con dispositivo di pagamento n.1783 del 16.10.2019, predisposto dal Dirigente all’Igiene Urbana S.Pallara e trasmesso all’ufficio Ragioneria, doveva corrispondere la somma di 55.880,00 euro alla società “New Ecology System”, sita in provincia di Potenza alla quale, ad agosto 2019, era stato affidato il servizio di smaltimento/recupero della frazione del rifiuto biodegradabili umido-organico, provenienti dalla raccolta differenziata del territorio di Acerra, per complessive 203,2 tonnellate. Società che aveva trasmesso regolare fattura, acquisita dal Comune in data 5.9.2019. “Ebbene – interviene Auriemma – mi chiedo per quale motivo, anche in questo caso, non si è provveduto a liquidare la società lucana nei modi e nei termini previsti, ma ci siamo ritrovati con un’altra citazione in giudizio per interessi di mora maturati e maturandi. E con un altro esborso di denaro pubblico di 2500,00 euro a favore del legale della società, come si evince dalla Determina n.492 del 21 aprile. Avvocato che, a questo punto, scrive: di non dover più venire ad Acerra giovedì 16 aprile (in pieno coronavirus ndr); di non dover iscrivere la causa a ruolo il giorno dopo e di avanzare…

Read More »

Auriemma: “Inopportuno incrementare in questo momento le spese per l’ufficio staff del sindaco”.

Relativamente alla Delibera di Giunta n.43 del 05.05.2020, con la quale è stato implementato l’Ufficio Staff del sindaco Lettieri, con l’assunzione di un’altra unità (una 26enne del posto, riconducibile ad una nota famiglia di imprenditori locali), il Consigliere comunale Carmela Auriemma, così commenta: “Nuove assunzioni al Comune in piena emergenza coronavirus. Numerose sono state le proposte avanzate al Sindaco per quest’emergenza – esordisce l’esponente pentastellata – e la cosa necessaria era quella di recuperare risorse economiche e trasformarle in aiuti ai commercianti ed alle famiglie in difficoltà: riduzione delle tariffe idriche, copertura della Tari per chi ha chiuso le attività commerciali, sospensione della tariffa per l’occupazione del suolo pubblico. Lo hanno fatto in altri Comune con Bilanci quasi in dissesto. Ma ci è stato detto che bisogna aspettare, il Comune non può spendere soldi!!Poi – aggiunge Auriemma – leggo l’ultima Delibera di Giunta, che vede una nuova staffista, scelta direttamente dal Sindaco. E siamo a tre, con gli staffisti assunti durante quest’emergenza. Se fossero stati epidemiologici, esperti economici, potrei anche capire. I soldi ci sono, ma solo per chi dicono “loro”. Anzi, con la Delibera n.28 del 18 marzo scorso, l’esecutivo ha modificato la Delibera del Commissario straordinario Fulvi, che fissava nella percentuale del 3% dell’intero organico dei dipendenti il numero degli staffisti da poter assumere. Percentuale adesso portata al 5% e, quindi, più staffisti assunti. Si tratta di atti inopportuni dal punto di vista politico, visto che il Comune non ha erogato un euro, per chi è in difficoltà. Purtroppo – conclude la professionista – tra le altre forze di opposizione presenti nel Civico consesso, solo il Consigliere Domenico Zito si sta attivando a favore delle reali esigenze e problematiche della città. Mi sembra chiaro, che il sistema non si ferma neanche durante l’emergenza”. Per la cronaca l’ultima nomina nello Staff del sindaco è avallata dal Decreto sindacale n.12 (che, nel mentre scriviamo, non risulta ancora pubblicato sul portale dell’Ente comunale).

Read More »

Un Consiglio comunale a porte chiuse approva la variante al Puc per il Parco Akeru

Tra i punti all’ordine del giorno affrontati durante il Consiglio comunale dello scorso 30 aprile e tenutosi a porte chiuse, c’era quello inerente all’approvazione della Delibera di Giunta n.38 del 6.4.2020, avente ad oggetto “la ratifica della Variazione del Bilancio di Previsione Finanziario 2020/2022” e la Delibera di Giunta n.36 dell’1.04.2020 relativa alla “variante parziale del Piano Urbanistico per la realizzazione del Parco Urbano multifunzionale denominato Parco Akeru”. Entrambi gli atti amministrativi venivano approvati all’unanimità dei presenti. Ma per quanto concerne il parco Akeru, da realizzarsi a ridosso di Contrada “Lupara”, non una parola veniva detta dal sindaco su una discarica abusiva, distante poche centinaia di metri dall’area, in cui deve sorgere l’opera. Discarica nella quale sarebbero finiti, tra la fine degli anni ’80 e gli inizi degli anni ’90, rifiuti di ogni genere, anche di tipo tossico e nocivo. Un enorme sversatoio illegale, di cui la bonifica è stata più volte annunciata ma mai eseguita. Il nascente parco dovrebbe avere un’ampiezza di 60 mila mq, all’interno del quale sono previste una pista di atletica, attività sportive, aree giochi per bambini ed aree adatte alla stimolazione sensoriale di bambini con autismo. Un parco, nel quale vi sarà anche un laghetto e che ha ricevuto un finanziamento di circa 6 milioni di euro. Ma che resta difficilmente raggiungibile a piedi e soprattutto lontano dal centro abitato. I passaggi salienti di Lettieri, nell’intervenire nel dibattito svoltosi nell’aula consiliare, consistevano sia nel replicare alle critiche dei Consiglieri di opposizione Zito ed Auriemma e relative alle scarse misure, soprattutto socio-economiche, messe in campo dall’amministrazione comunale, per affrontare l’emergenza socio-economica dovuta al coronavirus, che nel difendere la bontà degli atti amministrativi portati in aula. “L’amministrazione è scesa in campo – esordiva il primo cittadino – per affrontare questa battaglia, rappresentata dal Covid-19, anche con i suoi dipendenti comunali, alcuni dei quali prendono di meno, di quelli che prendono il reddito di cittadinanza. Circa le proposte dell’opposizione, esse talvolta sono condivisibili, altre volte no, perché non hanno alla base la conoscenza degli atti, anche se noi ascoltiamo tutte le proposte, da qualunque canale arrivino. Circa l’aiuto fornito ai cittadini in difficoltà, una sola associazione locale, Ariamo, è quella che ha fatto una donazione seria. Il resto lasciamo stare. I mutui ai commercianti, come suggerito…

Read More »

Auriemma: “L’amministrazione deve sostenere l’economia locale con interventi concreti e rapidi”.

In merito al Consiglio comunale dello scorso 30 aprile, di cui si riferiva in precedenza, dai banchi dell’opposizione si registrava anche l’intervento del Consigliere Carmela Auriemma. La quale, nell’evidenziare le scarse risorse impiegate dall’amministrazione Lettieri, nell’affrontare l’emergenza socio-economica, determinatasi in città a causa dell’emergenza coronavirus ed intervenendo anche sugli atti amministrativi relativi agli interventi di opere pubbliche da eseguire, rivolgendosi al sindaco, diceva: “Oggi, a distanza di quasi due mesi dall’emergenza da Covid-19, approviamo una variazione di bilancio. L’unica che riguardi quest’emergenza e che, (ahimè), non prevede lo spostamento o la riprogrammazione di risorse comunali ma governative. Era il 4 marzo e, soprattutto su sollecitazione del Consigliere Zito, preoccupato dal virus e dal rientro nelle scuole, le abbiamo scritto, rappresentando tutto il nostro sostegno per le iniziative intraprese e rappresentandole anche il nostro sostengo, se avesse ritenuto di adottare misure più severe. In queste settimane abbiamo inviato numerose note, proposte, invitandola a fare una piattaforma solidale, che coordinasse le associazioni in campo. Le abbiamo chiesto – proseguiva la professionista – di valutare risorse, per coprire una parte della Tari, senza sospendere tutte le tariffe ma solo alcune, indicandogliele. Le abbiamo segnalato la mancata sanificazione delle strade e degli arredi urbani; di spingere il gestore delle risorse idriche integrate a rivedere le tariffe dell’acqua. Ma l’emergenza non annulla le nostre funzioni. Anzi, le amplifica. E quindi devo evidenziarle, che ci sono stati degli errori. Abbiamo però visto un uomo solo al comando. Riconosco che non è semplice, ma l’uomo solo al comando è sempre un male. Infatti ci sono stati scivoloni, alcuni gravissimi, come il video in cui annunciava la ragazza positiva, che ha creato un’insurrezione civile. O la questione dei buoni spesa, sulla cui gestione ci sono stati forti scontri tra di noi nella Conferenza dei Capigruppo, quando abbiamo denunciato due settimane fa i forti ritardi e quello che non andava sulla procedura amministrativa. Tempi lunghi, procedura non chiara – proseguiva Auriemma – che ha portato ad un grande malcontento. E pensare che trasparenza e controlli siano assicurati dalla pubblicazione della lista sui social, è inaccettabile. Abbiamo visto che qualche proposta è stata replicata, senza ovviamente far riferimento, che era una nostra iniziativa. Ma non importa. Se è servita alla Città, ne siamo contenti. In questi mesi la…

Read More »

Gli appelli di Riemma (Fdi) e di Auriemma (Mov.5 Stelle) al sindaco Lettieri durante il coronavirus

In piena emergenza coronavirus Vincenzo Riemma, presidente provinciale di Gioventù Nazionale e dirigente di Fratelli d’Italia, attraverso facebook, lanciava un doppio appello ponendo, in una situazione di straordinaria emergenza, l’attenzione sulle partite IVA, i commercianti e piccoli imprenditori, che sono tra coloro, che più stavano pagando le difficoltà economiche. “L’emergenza sta richiedendo un grande sforzo. I commercianti vivono il dramma, di vedere le casse vuote a fine giornata. Solo ad Acerra c’è un calo del fatturato di oltre il 30 %. Si rischia un grave cortocircuito. Ma oltre ad acquistare ad Acerra – proseguiva Riemma – chiediamo un segnale da parte dell’amministrazione comunale. Lanciamo un appello al sindaco Lettieri: sospendiamo e rinviamo, il tempo necessario, il versamento di tutte le imposte comunali dovute dalle partite IVA. Altrimenti siano azzerate le loro eventuali sanzioni per ritardi di pagamento delle imposte, così da garantire una minima serenità ai commercianti. Dare respiro, anche per poche decine di euro, in attesa che tutto ritorni alla normalità, può essere decisivo. Senz’altro può essere un segnale solidale – concludeva l’esponente di centrodestra – verso chi, senza colpe proprie, sta pagando dazio e con il quale l’amministrazione e la città tutta si schiera dalla loro parte. I nostri imprenditori lo meritano. La città di Acerra lo merita. Il tutto, inoltre, grazie anche all’unità di intenti delle varie forze politiche locali”. Intanto il Consigliere comunale Carmela Auriemma, dopo aver invocato misure fiscali e sanitarie da parte del Governo centrale a favore dei commercianti e degli imprenditori, anche quelli con pochissimi dipendenti e l’estensione della zona rossa a tutto la nazione, al fine di poter vincere la battaglia contro il temuto Covid-19, si concentrava sulla tematica acqua e scriveva: “In questo momento di emergenza l’acqua diventa ancor di più un bene prezioso. Ho provveduto a scrivere al Sindaco, affinchè chieda al nostro gestore del servizio idrico integrato (la ScpA Acquedotti ndr), di non procedere ai distacchi programmati dell’acqua agli utenti, quelli programmati per qualsiasi motivazione e per tutti i tipi di utenze, fino al termine dell’emergenza, che sta vivendo il Paese intero. Iniziativa già promossa dalla portavoce Federica Daga, che ha scritto a tutti i gestori nazionali. Inoltre – proseguiva Auriemma – sarebbe opportuno valutare anche le utenze, che hanno subito un distacco negli ultimi mesi e…

Read More »

Lavoratori socialmente utili sospesi dal Comune: la nota dei Consiglieri Zito e Auriemma

Con una nota congiunta, avente ad oggetto “Sospensione Progetto Lavoratori Socialmente Utili”, indirizzata al Dirigente al Personale M.Piscopo; all’Assessore al Personale N.De Matteis; al Presidente del Consiglio comunale A.Piatto ed al Sindaco Lettieri, i Consiglieri Carmela Auriemma e Domenico Zito, in data 12.03.2020, scrivevano: “In attuazione della comunicazione a firma della Direzione Generale per l’Istruzione, la Formazione, il Lavoro e le Politiche Giovanili, avente ad oggetto “le misure per il contenimento della diffusione del contagio del Covid-19 – Lavoratori Socialmente Utili” del Progetto unico regionale” ha comunicato, relativamente alla categoria dei LSU “il differimento oggetto del progetto, a decorrere dal 12.03.2020 fino alla data del 3.4.2020, salvo ulteriori proroghe”. Al riguardo gli scriventi Consiglieri le rappresentano, che la citata nota della Direzione Generale riguarda esclusivamente i Lavoratori Socialmente Utili, attualmente impiegati nel progetto gestito dalla Regione Campania. Ciò è anche confermato dalla stessa Regione, in una nota pubblicata sul proprio sito istituzionale. Riteniamo, quindi, che le indicazioni contenute nella citata nota, si estendono ai soli lavoratori socialmente utili in forza all’Ente Regione Campania con esclusione di quelli, che sono attualmente in forza presso altri Enti territoriali. Gli scriventi consiglieri chiedono, quindi, di riesaminare la posizione assunta dall’Ufficio del Personale, considerando anche che, verosimilmente, il periodo di adozione delle misure di contenimento del contagio si protrarrà oltre il 3.4.2020, con effetti devastanti sui lavoratori e sulle loro famiglie”.

Read More »

Auriemma: “Acerra ormai è una città lontana dai bisogni reali dei cittadini”.

“Acerra vive un momento difficile, il Sindaco si è barricato nel palazzo e continua a non coinvolgere né le forze di opposizione, né la Città. Le decisioni vengono prese da due, tre persone, con la conseguenza che Acerra è lontana dai bisogni reali dei cittadini”. E’ questa la frase, con la quale il Consigliere comunale Carmela Auriemma inizia la sua disamina di alcuni punti dell’attività amministrativa del sindaco Lettieri e dalla maggioranza che lo sostiene. “Voglio partire dai concorsi, banditi dal Comune e che si stanno espletando da mesi. Infatti faccio un appello a tutti i ragazzi di Acerra: partecipate! E fatelo convinti, in quanto sono tanti i ragazzi scoraggiati che mi contattano e che neanche ci provano, a farlo un concorso al Comune di Acerra. Si fanno in giro i nomi dei prossimi vincitori delle prove concorsuali e se ne parla, come se si parlasse del totocalcio. C’è il totonomi. Certo, a guardare i nomi degli ultimi assunti, mi viene in mente il titolo di un film: “Una famiglia in Comune”. Ovviamente – prosegue Auriemma – non metto in dubbio il valore ed i meriti dei neo assunti. Ma comprendo chi mi fa notare, che i più bravi sono o elettori di Lettieri, o collaboratori del Sindaco o parenti di Consiglieri di maggioranza. Io ai giovani dico, che devono partecipare, provarci ed impegnarsi fino in fondo. Per non parlare poi del PUC, sul quale pende ancora la bocciatura da parte della Città Metropolitana. Tant’è vero che – continua il Consigliere – ha proposto ricorso avverso la Determina della Città Metropolitana. Intanto le accuse mosse da un Consigliere di maggioranza circa il diretto o indiretto collegamento tra molti terreni divenuti edificabili ed alcuni Consiglieri di maggioranza ed Assessori sono vere o no? L’ho chiesto in Consiglio comunale, ho chiesto una smentita. Ma nulla. Di recente, poi, mi sono soffermata molto sul Bilancio e sono convinta, che non è così “in salute”, come vogliono farci credere. Io non sono un tecnico, ma analizzando gli incarichi professionali, che il Comune conferisce ad avvocati, ho ricostruito alcune posizioni debitorie ed ho scoperto quella richiesta di pagamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri. E poi quella avanzata dalla Fibe. Debiti che ho denunciato in sede di Bilancio lo scorso dicembre. Ma sono…

Read More »

Bilancio, Auriemma riceve risposte “parziali” ai milioni di euro di debiti dovuti dal Comune

“In sostanza i Comuni recuperano con la tariffa il costo complessivo del ciclo di gestione dei rifiuti e quindi si sostituiscono anche alla Sapna, per recuperare la quota che spetta ad essa. I Comuni, per legge, avrebbero dovuto versare alla Sapna le sue spettanze, nel giro di pochi giorni dalla riscossione delle tariffe. Ebbene, molti Comuni non lo fanno. Nell’esaminare il bilancio della Sapna, ho riscontrato che anche il Comune di Acerra figura come Ente debitore nei confronti della società provinciale!! Ho chiesto quindi ai Dirigenti competenti chiarimenti. Ma vi dico, per certo, che le posizioni debitorie del Comune non finiscono qui”. E’ con queste parole, che il Consigliere comunale Carmela Auriemma concludeva, sullo scorso numero, la sua disamina (iniziata già nei mesi scorsi, ma non ancora terminata) sulle varie posizioni debitorie dell’Ente di Viale della Democrazia nei confronti di soggetti ben specificati e, nel caso di specie, della Sapna, ossia della società provinciale che si occupa del ciclo integrato dei rifiuti. Ed in effetti, in data 6.2.2020, la professionista scriveva al Dirigente del settore Igiene Urbana S.Pallara; al Dirigente ai Servizi Finanziari G.Cascone ed al Segretario generale M.Piscopo, evidenziando che aveva riscontrato una serie di crediti verso terzi, da una nota allegata al bilancio, in cui la Sapna precisa che nella citata “voce di crediti verso terzi”, rientrano anche quei crediti oggetto di contenziosi giudiziari contro i Comuni debitori. E chiedeva contezza di ciò. Ebbene, lunedì 10 febbraio il dott.Pallara, nel riscontrare la nota del Consigliere, rispondeva che, “allo stato, non risultano presso la sua Direzione atti o documenti riferibili all’eventuale posizione debitoria del Comune nei confronti di Sapna, né alcuna azione giudiziaria della società provinciale nei confronti del Comune”. In pari data, però, il dott.Cascone, nel rispondere alla nota, specificava che “agli atti dell’Ufficio risultano due dispositivi di pagamento relativi a debiti verso la Sapna, per i quali si provvederà ad emettere i rispettivi mandati di pagamento. Il primo, per un importo pari a 115.866,94 euro (riferito al periodo gennaio-agosto 2019); il secondo, per un importo pari a 206.237,32 euro (riferito al periodo settembre-ottobre 2019). Ma Auriemma, non convinta affatto delle risposte fornite a seguito della sua richiesta, avrebbe inoltrato un’altra nota, sempre avente ad oggetto le posizioni debitorie Sapna/Comune di Acerra. “In attesa di comunicarvi l’esito…

Read More »

Bilancio, il Consigliere Auriemma “scova” altri milioni di euro di debiti dovuti dal Comune!!

Di recente vi riferimmo di una serie di somme/debiti dovuti dall’Ente comunale a soggetti ben specificati. Un filone avviato, manco a dirlo, dal Consigliere comunale Carmela Auriemma, che volle vederci chiaro su un incarico di assistenza legale affidato all’avvocato Antonio Sasso. E ciò perché ammonta ad 1.246.325,98 euro, oltre ad ulteriori interessi fino al soddisfo la somma richiesta, l’8 novembre 2019, al Comune di Acerra, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, attraverso apposita ingiunzione di pagamento emessa per il recupero del credito erariale. Poi fu la volta dei 3,5 milioni di euro dovuti dal Comune alla società Fibe, a saldo delle fatture/note di credito emesse dalla stessa nel periodo compreso tra il 2004 ed il 2005, comprensivi di penali ed interessi, visto che il Comune non ha adempiuto all’obbligo di pagamento per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti effettuato. Un importo che, ad oggi, il Comune avrebbe già dovuto corrispondere, visto che siamo in presenza di una Diffida e Messa in mora, datata 7 novembre 2019 a firma del Commissario ad Acta. Somma che fece andare su tutte le furie la suddetta professionista durante il Consiglio comunale del 20 dicembre scorso, quando la stessa denunciò “che non gli erano stati forniti gli atti richiesti, per svolgere la sua funzione istituzionale, ma che era stata costretta ad apprendere da questa testata giornalistica dell’esistenza di tali situazioni debitorie”. Ovviamente anche su questa fondamentale ed importante problematica è emersa (ma non è una novità) tutta la sterilità e l’inadeguatezza dell’attività politica svolta dall’altra locale forza di opposizione, ossia il Partito Democratico che, dopo quasi tre anni di presenza nel Civico consesso e dopo essersi rifatto il “look” cittadino, è riuscito ad occuparsi di una tematica vitale per gli Acerrani, ossia il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre!! Tornando ai reali problemi di Acerra, a certificare la lunga lista dei debiti, che affliggono l’Ente, è la suddetta Auriemma, la quale dichiara: “In presenza dell’approvazione, da parte del Civico consesso, di debiti fuori bilancio, molti dovuti a sentenze di condanna per errata stima delle indennità di occupazione per le procedure espropriative chiesi di nuovo, come già fatto durante vari Consigli comunali, di avere contezza di tutti i giudizi tutt’ora pendenti e riguardanti l’indennità di occupazione del suolo e la…

Read More »

Proposta dei Consiglieri Auriemma e Zito per la stabilizzazione degli ex LSU

Con una nota trasmessa, tra gli altri, al Sindaco Lettieri ed al Presidente del Consiglio comunale Piatto, i Consiglieri Carmela Auriemma e Domenico Zito, nello spirito di ricoprire la propria carica pubblica, per rendere un servigio alla comunità locale segnalavano, il mese scorso, che “nella Legge di Bilancio 2020 dello Stato all’art.1 (commi 495-497) sono introdotte diverse misure, con il fine di proseguire nel processo di stabilizzazione dell’intera platea dei lavoratori ex LSU da parte di Pubbliche Amministrazioni. In particolare – prosegue la nota – le suddette misure permettono l’assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori in oggetto, anche con contratti di lavoro a tempo parziale ed in deroga alla dotazione organica, al piano di fabbisogno del personale ed ai vincoli assunzionali previsti dalla vigente normativa. La suddetta Legge di Bilancio prevede una dotazione economica a favore delle Amministrazioni, che mettono in campo processi di stabilizzazione dei soggetti impiegati in lavori socialmente utili o in attività di pubblica utilità. E’ prevista una storicizzazione delle suddette risorse stanziate per la stabilizzazione dei LL.SS.UU. incrementandole, a decorrere dal 2020, nella misura di 9 milioni di euro annui. Il processo assunzionale è da attuare entro il 31 dicembre 2020 ma, per poter accedere al riparto delle risorse stanziate, le amministrazioni interessate devono presentare istanza alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica entro il 31.01.2020”. Considerando che il Comune di Acerra – prosegue lo scritto – vede attualmente impiegati LL.SS.UU. con progetti socialmente utili attivati presso l’Ente e che i LL.SS.UU. da circa 20 anni hanno rappresentato una sorta di “anomalia del sistema”, essendo i precari del pubblico impiego per eccellenza, senza diritti né certezze, con contratti rinnovati di anno in anno e che un’Amministrazione comunale dovrebbe mettere in campo qualsiasi azione, intenta a ridurre condizioni di precariato all’interno del proprio territorio e, a maggior ragione, nell’ambito del proprio Ente. Pertanto – concludevano i due Consiglieri – gli scriventi chiedono alle SS.VV. ciascuna per la propria competenza, di valutare tale opportunità e di dare mandato agli uffici preposti, affinchè si proceda celermente all’avvio di tutte le procedure necessarie per la stabilizzazione dei soggetti impiegati presso il Comune di Acerra, in lavori socialmente utili o in attività di pubblica utilità. E, di conseguenza, di presentare entro il 31.01.2020 istanza alla…

Read More »
eXTReMe Tracker