Il sindaco uscente Lettieri si candida a Consigliere comunale con Tito D’Errico

La conferenza stampa di presentazione della coalizione “XAcerra Unita”, che ufficializzava la candidatura di Andrea Piatto a sindaco, offriva qualche altro spunto di riflessione. In primis un operatore della comunicazione ivi presente, ricordava che il sindaco Lettieri offese Carmela Auriemma in Consiglio comunale, quando disse che “lei non poteva parlare della mensa scolastica, perché non aveva figli”. Troppo giusto.

Ma ometteva di dire, però, che nemmeno il Presidente del Consiglio comunale Piatto intervenne, per invitare il primo cittadino, ad avere un linguaggio più consono all’aula!!

Sulla mancata istituzione di un Assessorato all’Ambiente, invece, qualche giorno dopo l’ambientalista Alessandro Cannavacciuolo (M5S) dichiarava: “Piatto e la Co-sindaca Auriemma hanno detto che, in caso di vittoria, non sarà istituito l’Assessorato all’Ambiente. Una cosa assurda in un Comune simbolo della Terra dei Fuochi. E’ un tradimento. Se così sarà, io non sosterrò Acerra Unita”.

Dal canto suo Sinistra Italiana spiegava le ragioni della sua non partecipazione alla competizione elettorale. “Da una parte abbiamo un candidato sindaco “nominato” dal Sindaco Lettieri e dall’altra il Presidente del Consiglio comunale, eletto dalla maggioranza Lettieri, autorevole esponente della stessa maggioranza fino all’ultimo Civico consesso, sostenuto dal PD e dal Movimento 5 Stelle incapace, quest’ultimo, di proporre in questi mesi un’autonoma iniziativa di confronto in città, che si è accontentato di essere anch’esso “nominato” Co-sindaco, espressione questa priva di ogni riferimento normativo, a garanzia di una coalizione costruita a tavolino.

Noi non ci staremo e ci stupisce la compiacenza e la messa a disposizione, di chi è stato vittima di un tale sistema di potere”.

Intanto il sindaco uscente Lettieri scioglieva la riserva ed annunciava la sua candidatura a Consigliere comunale con Tito D’Errico ed affermava: “Ormai sono divenute sempre più palesi e forti le volontà di alcuni soggetti politici locali, di voler svendere gli interessi degli Acerrani ai desiderata di esponenti politici non locali, in occasione delle prossime elezioni comunali.

Noto, da più parti, che in alcune formazioni politiche le decisioni su Acerra sono state assunte su tavoli sovracomunali, da soggetti regionali e nazionali, mentre esponenti politici non locali rivendicano negli ultimi giorni candidati e candidature ad Acerra, si accingono a “mettere il cappello” su liste o su eventi elettorali. “Dopo 10 anni – proseguiva Lettieri – alcuni stanno tentando di approfittare della scadenza dell’esperienza amministrativa (ma non politica) dell’Amministrazione Lettieri, per svendere nuovamente il nostro territorio, per puro interesse elettorale politico, anche in vista di prossimi futuri appuntamenti elettorali nazionali.

Alle amministrative del 12 giugno 2022 l’unico candidato a Sindaco, che continuerà a garantire solo gli interessi della nostra comunità e degli Acerrani è il Dott.Tito D’Errico, accanto al quale ed alla coalizione che lo sostiene, parteciperò alla competizione elettorale con la Lista Lettieri.

Sono certo che, anche in quest’occasione, gli Acerrani saranno compatti ed orgogliosi di Acerra e non permetteranno, che le sorti di Acerra siano decise dagli amministratori di altri Comuni o siano “ipotecate” per volere di esponenti politici regionali e nazionali su tavoli estranei alla città”.

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker