Auriemma: “Se Acerra è il paese delle meraviglie, il Comune è la corte dei miracoli…”.

Se Acerra è il paese delle meraviglie, ma per pochi, il Comune allora è la corte dei miracoli”. E’ con queste parole, che il Consigliere comunale Carmela Auriemma (M5S) tracciava, nei giorni scorsi, un bilancio di fine anno dell’operato dell’amministrazione comunale targata Lettieri. Un bilancio ovviamente pessimo, che dovrebbe essere tenuto sempre a memoria, proprio per non ripeterlo più.

“Nel paese delle meraviglie – esordiva Auriemma – accade che il Sindaco organizzi al Comune, in piena pandemia, un brindisi augurale con i dipendenti per 200 persone alla modica cifra 3.700,00 euro, finanziandolo con i fondi di tutti i cittadini e beffeggiando l’Ordinanza regionale del Presidente De Luca. Nel paese delle meraviglie accade, che si spendano 40 mila euro per una statua commemorativa di Maradona, da allocare nello stadio, dove il campione argentino giocò una memorabile partita di beneficenza. Solo che lo stadio non c’è più, distrutto proprio da chi ha commissionato la statua!

Nel paese delle meraviglie vengono spesi circa 200.000,00 euro, per acquistare in pieno centro storico un immobile privato abbandonato e per demolirlo, onde realizzarvi un parcheggio per i veicoli. E questo, dopo aver reso quasi del tutto pedonale l’intero centro cittadino, in nome della mobilità sostenibile.

Nel paese delle meraviglie vengono spesi 240.000,00 euro in luminarie, allo scopo dichiarato di ravvivare il commercio locale. Ma poi durante tutto l’anno non vi sono politiche idonee al suo rilancio.

Nel paese delle meraviglie accade, che siano stati persi, nel 2019, i fondi europei per la valorizzazione delle politiche agricole, perchè il Comune non presentò progetti, in partenariato con aziende o associazioni agricole che, se approvati, avrebbero fruttato all’Ente comunale fino a 5 milioni di euro. Proprio Acerra, che è tra i Comuni del napoletano a maggior vocazione agricola.

Nel paese delle meraviglie sono stati eliminati gli sgravi fiscali a beneficio di categorie fragili, per darli a chi di benefici non ha bisogno, come nel caso della tassa dei rifiuti. Sono queste le priorità della nostra Città?

Un anno fa – proseguiva l’esponente pentastellata – chiedemmo al Sindaco ed alla Giunta, di rivedere il piano triennale delle Opere Pubbliche, di rivedere la programmazione anche alla luce della pandemia e delle conseguenze, che aveva avuto e avrebbe avuto su tutti noi.

Per non parlare, poi, di cosa accade alla Corte dei Miracoli, ossia nel palazzo bianco di Viale della Democrazia, dove i costi della politica mettono a dura prova le casse comunali, visto lo sterminato numero di staffisti, che costano migliaia di euro all’anno.

E’ Natale, lo sappiamo. Ma il clima di festa non deve sottrarci da una riflessione vera e giusta anche alla luce delle parole pronunciate durante l’omelia natalizia dal nostro Vescovo Antonio Di Donna che, da anni, cerca di scuotere e di risvegliare la città e le sue coscienze dalla coltre di affarismo, inerzia e nichilismo, che ormai la caratterizza.

E’ Natale, lo sappiamo. E qualcuno direbbe, che non è tempo di critiche. Qualche altro direbbe, che c’è la pandemia e dobbiamo essere uniti.

Ma noi non riusciamo a stare zitti, a fare finta che tutto vada bene. Poiché – concludeva la professionista – dopo 10 anni di spettacolari addobbi natalizi, di terreni espropriati nella zona Pip per milioni di euro ed infrastrutturati, per vedervi allocata una sola azienda e, per giunta, non acerrana, di decisioni schizzo freniche, come quella di allocare il Commissariato di Polizia in un’ala del plesso scolastico di piazzale Renella, di faraoniche opere pubbliche iniziate e mai finite, il tutto pagato con i soldi di tutti e con l’accensione di mutui, è evidente che il disastro ambientale, sociale ed economico azzanna ancor più forte la nostra comunità.

Come Alice nel paese delle meraviglie la nostra comunità è chiamata a distinguere tra gli illusionismi a vantaggio di pochi ed il bene comune a vantaggio di tutti”.

 

Joseph Fontano

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker