Inaugurato il Centro Sportivo diocesano per ragazzi e bambini in difficoltà

Veniva inaugurato lo scorso 29 ottobre il Centro Sportivo diocesano per ragazzi e bambini in difficoltà, fortemente voluto dal Vescovo Antonio Di Donna. La struttura si trova alle spalle della Cattedrale del Duomo, con ingresso a via Bixio, nel cuore del centro storico.

Una struttura sportiva polivalente, realizzata su iniziativa dell’Ufficio diocesano dello sport, in collaborazione con il Centro diurno della Caritas per i minori a rischio e gli oratori. Un gesto concreto per i ragazzi della Diocesi, che si è concretizzato nella realizzazione di un campo polifunzionale di calcio a 5 in erba sintetica, pallacanestro e pallavolo.

Un’azione decisa contro la dispersione di bambini e giovani per strapparli, in molti casi, ad attività di microcriminalità, delinquenza e spaccio di sostanze stupefacenti. Ma che è anche un luogo, in cui educare i bambini di tutte le parrocchie alla gioia dello sport quale scuola di vita e di comunità.

Ed è così che, alla presenza di Autorità civili comunali e regionali Monsignor Di Donna benediva il campo, finanziato dai fondi straordinari dell’Otto per mille della Chiesa cattolica e dalla Diocesi.

Il presule, per il quale il nuovo centro è «un’opera, segno contro la povertà educativa di molti bambini del quartiere e delle nostre città ed un presidio di legalità in un luogo spesso teatro di microcriminalità e spaccio», salutava i rappresentanti dei ragazzi delle parrocchie accompagnati da sacerdoti, educatori e dai responsabili delle Associazioni sportive del territorio.

«Il campo, insieme al Centro diurno per bambini a rischio ed in difficoltà della Caritas, sono il fiore all’occhiello dell’impegno della Chiesa sul fronte del disagio sociale» – affermava il Vescovo. La struttura, che è completa di docce, spogliatoi, di un impianto di illuminazione e di uno di videosorveglianza, è una perla tra le case del quartiere ed ha visto la direzione tecnica dei lavori da parte dell’Ing.don Gustavo Arbellino e dell’Ing.Gioacchino Maddaloni.

Il centro diurno, che si trova all’interno del Palazzo Vescovile, accoglie da due anni, ogni giorno, 70 bambini tra i 5 ed i13 anni che, durante l’anno, sono seguiti dalla Caritas. In esso si pratica doposcuola ed attività laboratoriali di informatica, cucina, cinema, teatro, canto e creazioni artistiche con l’aiuto di decine di volontari.

Intanto al campo sportivo arrivano anche i bambini degli oratori ed i ragazzi più grandi, che si dividono tra basket, calcio, karate e pallavolo. Specifiche attività sono previste in collaborazione con i Servizi sociali per la tossicodipendenza del territorio e per i disabili.

La cerimonia di inaugurazione, coordinata dal Caporedattore di Sky Sport Tommaso Liguori, godeva del patrocinio della Camera dei Deputati e del Comune di Acerra e si svolgeva alla presenza, tra gli altri, dell’allenatore del Napoli Luciano Spalletti, di Andrea Lorenzini, presidente dell’Associazione vittime dell’Hysel, del Vice-presidente del Consiglio regionale della Campania Valeria Ciarambino, del Sen.Francesco Urraro e del sindaco Lettieri.

Messaggi di congratulazioni e d’incoraggiamento giungevano dal Presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio, Gabriele Gravina, il quale scriveva: “Con l’inaugurazione del centro sportivo oratoriale, la Diocesi di Acerra invia un chiaro messaggio di testimonianza verso il territorio ed in particolare verso i giovani. E rappresenta un investimento educativo ed una forte opera di contrasto alla disgregazione sociale ed alla criminalità. Noi come Federazione sosteniamo progetti di questo genere”.

Dello stesso tono il messaggio del Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Malagò, secondo il quale “il centro sportivo diocesano è un punto strategico, fondamentale per questo territorio per questioni sportive ma anche sociali”.

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker