Sequestrata piantagione marijuana in località Gaudello. Arrestati tre coltivatori

Un sistema di ventilazione e tre di illuminazione a led ed impianti dotati di temporizzatore. Inoltre tre contenitori di fertilizzanti e poi concimi con amminoacidi, nonché materiale per la clonazione e germogliazione delle piante.

C’era tutto il necessario, in località Gaudello, per rendere favorevole lo sviluppo delle piante, alle quali dedicavano la loro piena attenzione. Ma non è di una serra comune, quella di cui si occupavano, bensì della redditizia quanto illegale coltivazione di cannabis indica, dalla quale ricavare marijuana ovvero stupefacente, per essere spacciato sul mercato illecito della droga.

Ed è così che i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Maddaloni, unitamente al personale della stazione di Cancello, traevano in arresto per coltivazione illegale di sostanza stupefacente un 56enne di Lusciano, una 47enne extracomunitaria originaria dell’Ucraina e residente a Lusciano, risultata percettrice del reddito di cittadinanza ed un 53enne di Acerra.

Tre le persone che i Militari dell’Arma ammanettavano, a seguito di perquisizioni domiciliari, estese anche alle pertinenze delle abitazioni degli arrestati. Sul luogo venivano rinvenuti e sequestrati complessivamente 10,300 fioroni di marijuana, 29 piante di marijuana, 15 delle quali avevano un’altezza variabile tra i 3 ed i 4 metri. E l’insieme delle piante erano accudite mediante un sistema di ventilazione e tre impianti di illuminazione a led, forniti di temporizzatore.

Nel corso dell’articolata attività ispettiva condotta, i Carabinieri sequestravano anche tre telefoni cellulari, una bilancia elettronica di precisione, un’agenda sulla quale venivano riportati i dati relativi alla concimazione e all’irrigazione delle colture e 2.400 euro in banconote di vario taglio. I tre arrestati venivano sottoposti alla detenzione domiciliare presso le rispettive abitazioni, in attesa della convalida da parte del Giudice.

Qualche giorno prima gli agenti del locale Commissariato di Polizia, durante un servizio di contrasto alla detenzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, avevano effettuato un controllo in un terreno situato in una traversa di via Italo Calvino, sempre nella frazione Gaudello, dove avevano intravisto alcuni fusti di piante di marijuana occultati tra gli alberi da frutto.

I poliziotti, dopo aver rintracciato il proprietario del terreno, che apriva loro il cancello d’ingresso del fondo, accertavano che all’interno vi era una piccola coltivazione di piante di marijuana. Gli inquirenti sequestravano 8 piante alte circa 2 metri per un peso complessivo di 34 chilogrammi. L’uomo, un 73enne del posto, veniva denunciato per coltivazione di sostanza stupefacente.

L’attività di controllo del territorio da parte delle Forze dell’Ordine, alla ricerca di ulteriori illecite attività di coltivazione delle piante di marijuana proseguiva sull’intero territorio cittadino anche nei giorni seguenti, soprattutto nelle aree rurali e periferiche acerrane.

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker