“Villa dei Fiori”, è insufficienza posti letto nel reparto di Ortopedia a causa della ‘stretta’ regionale

“Villa dei Fiori” in prima linea per l’emergenza traumi e lesioni. Il presidio ospedaliero acerrano è entrato da tempo di diritto tra le strutture d’eccellenza della sanità della Regione Campania, con le sue 56mila prestazioni all’anno, i 248 posti letto, i 600 dipendenti, il Pronto Soccorso attivo h 24 ed un’unità di emodinamica di primissimo ordine, unico presidio d’emergenza convenzionato dell’intera area metropolitana di Napoli, insieme alla clinica “Pineta Grande” di Castel Volturno.

Intanto è sold out nel reparto di Ortopedia, diretto dal Prof.Giuseppe Coppola. Nonostante gli sforzi del personale (medici, paramedici, infermieri ed ausiliari), tanti pazienti vengono trasferiti in altre strutture sanitarie, per garantire loro il diritto alla salute. Sforzi, e non pochi, sono stati fatti nel corso degli ultimi mesi dalla proprietà del presidio ospedaliero. Insomma la struttura ed il personale sono messi a dura prova dal carico di lavoro da fronteggiare.

Tornando al reparto di Ortopedia questo, seppur è stato notevolmente rinforzato, è praticamente sotto assedio ogni giorno. La verità è che Villa dei Fiori, è l’unico avamposto sanitario specializzato in un comprensorio, che conta quasi 500 mila assistiti.

Ad Acerra giungono soggetti traumatizzati da tutto l’hinterland a Nord di Napoli e non solo. I posti letto a disposizione rimangono sempre pochi e sono quasi del tutto insufficienti in questa stagione dove, purtroppo, aumentano sensibilmente i numeri dei traumatizzati. Incrementati, di certo, anche dal maggior numero di persone che praticano attività sportiva rispetto al periodo invernale.

Ovviamente, andando di questo passo e se la Regione Campania non allargherà i cordoni della borsa, per garantire la salute di chi vive in questo vasto ed esteso territorio, a breve la situazione si farà sempre più critica.

E’ scontato, che nella ressa finirà anche il Pronto Soccorso del presidio ospedaliero, diretto dal primario Enzo Tedeschi, che opera h24 con una squadra di medici e paramedici, costretti a dei veri e propri tour de force. E nel quale la tempestività e professionalità dei soccorsi messi in campo dai sanitari, spesso gioca un ruolo fondamentale, nel riuscire a salvare la vita altrui.

Non senza dimenticare, che l’intero sistema sanitario nazionale è sotto la scure di un nemico subdolo ed invisibile, ma che condiziona la vita dell’intera umanità, ossia il Covid e le sue infinite varianti.

Per riuscire a far fronte al nuovo scenario, peraltro ancora in evoluzione, come previsto dalle Linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità, per accedere ai servizi sanitari, è stato allestito un pre-triage, per fare da filtro all’accesso al Pronto Soccorso.

Un’area di prescreening/filtro, per valutare ed individuare i pazienti, che accedono al Pronto Soccorso, per poi andare a reparto. Naturalmente all’interno dei reparti, esclusi i pazienti trattati, la struttura è off-limits ai familiari.

Una misura necessaria a garanzia della salute, di chi lavora ed opera, per garantire la tutela della vita. Intanto, nella sua fase di crescita professionale, va ricordato anche che Villa dei Fiori punta ad offrire un importante contributo al sistema trapianti della Campania e dell’Italia, lavorando in sinergia non solo con il centro trapianti regionale, ma anche con tutte le diverse associazioni di volontariato del territorio, pronte a diffondere la cultura della donazione degli organi.

 

Ni.Pa.

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker