Riemma: “Gli sforzi dell’amministrazione Lettieri per il commercio locale? Zero spaccato”.

Tempi duri per il sindaco Lettieri, definito in più occasioni “sceriffo” da un collega del posto (quantunque non gli abbiamo mai visto attaccata addosso alcuna stella, nemmeno quella di Natale).

Infatti, dopo i 500 mila euro (su un totale di 1.218.749,21 euro stanziati a favore del nostro Comune), “scovati” dal Consigliere comunale Carmela Auriemma e già erogati dal Governo al Comune come misura a supporto dell’Ente, per far fronte agli effetti dell’emergenza sanitaria e per evitare che l’amministrazione comunale, con molte attività commerciali in grossa difficoltà ed alle prese con fitti, costi di sanificazione, utenze e tasse varie da pagare, ricevessero il tributo della Cosap (poi puntualmente recapitato dal Comune agli esercenti) compariva, nei giorni scorsi, lungo le strade cittadine un duro manifesto di Fratelli d’Italia Acerra. Col quale si valuta con un sonoro “zero spaccato” l’amministrazione comunale capeggiata da Raffaele Lettieri, “colpevole” di non aver ancora sostenuto, in alcun modo, il commercio locale in questo drammatico 2020.

Sul manifesto non vi è solo l’attacco del partito di centrodestra, ma anche la riproposizione di proposte di sostengo alle partite IVA locali, già protocollate al primo cittadino fin dallo scorso 13 marzo. Vincenzo Riemma, dirigente cittadino di FDI, in una nota dichiara:

Zero spaccato è l’unico voto che merita quest’amministrazione che, ancora oggi, a mesi dall’inizio dell’epidemia, non ha mosso un dito a tutela dei nostri commercianti e della nostra economia locale. È spaventoso osservare la maggioranza e la finta opposizione di sinistra, incapace di dire o di produrre qualcosa di sensato.

A volte si ha la sensazione indubbiaprosegue Riemma – che stiano lì, per scaldare la sedia. È dal 13 marzo che, come Fratelli d’Italia Acerra, abbiamo presentato in via ufficiale delle proposte chiare e fattibili a tutela delle nostre partite Iva, ma ad oggi il nulla!

Restiamo uno dei pochi Comuni della provincia, a non aver sostenuto in alcun modo il proprio commercio, né con defiscalizzazioni, né con bonus. Il sindaco ha semplicemente annunciato, di aver rinunciato ad installare le luminarie natalizie, per utilizzare i 188.915,00 euro destinati alle stesse, per sostenere gli esercenti acerrani. Ma – aggiunge il giovane dirigente – dell’utilizzo e della destinazione di quei soldi non sappiamo ancora nulla.

Intanto bisogna: sospendere le imposte comunali dovute dalle partite Iva e tagliarle di almeno il 33%; sospendere le quietanze di servizi essenziali (esempio servizio idrico) di società partecipate al Comune; prevedere bonus comunali, soprattutto per le partite Iva under 35, a copertura delle spese di fitto.

Il grosso spetta al Governo, ma nessun livello istituzionale (nemmeno i Comuni) possono tirarsi indietro in un momento come questo.

Eppure – conclude Riemma – la fascia tricolore non ha perso occasione, in questi anni, in Consiglio comunale, di ribadire e di condividere, che il Bilancio comunale gode di ottima salute, sia quando lo si approva in fase preventiva, che in quella consuntiva.

Anzi, non più tardi di qualche mese fa, nell’aula consiliare specificò, che gli organi sovracomunali erano rimasti increduli della precisione e della rapidità, con la quale gli uffici comunali tengono in ordine i conti dell’Ente di Viale della Democrazia. Pertanto, rivolgendomi ai Consiglieri comunali dico: svegliatevi!”.

Intanto un noto quotidiano riporta la notizia, che è scattata una gara di solidarietà tra i sindaci della Città Metropolitana di Napoli, denominata “Challenge dei Comuni”.

L’iniziativa, lanciata dal primo cittadino di Lacco Ameno, Giacomo Pasquale e rilanciata in radio da Gianni Simioli, prevede di devolvere un mese di stipendio in favore delle persone colpite dalla crisi provocata dalla pandemia. Iniziativa che ha già raccolto le adesioni di altri sindaci del territorio, come Josi Della Ragione (Bacoli), Francesco Barbato (Camposano) e Gaetano Minieri (Nola).

Farà parte dell’elenco anche il Sindaco di Acerra? Se sì, lo faccia a sapere a tutti. Anche con un video-annuncio (a lui tanto caro).

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker