Da Nusco ad Acerra in cerca di prostitute e per sversare rifiuti

Troppi ancora gli idioti in giro che violano le regole, rischiando ogni giorno di allungare le liste dei positivi e dei ricoverati nei reparti di rianimazione già al limite. In questo quadro spiccava un incredibile episodio accaduto nel territorio comunale acerrano.

Infatti un uomo di 69 anni, proveniente dal Comune di Nusco, in provincia di Avellino, veniva sorpreso dagli agenti della Polizia Municipale, a sversare illegalmente rifiuti nell’area ex Montefibre. Il 69enne, dopo aver ripulito la propria autofficina, era giunto con il suo furgone pieno di rifiuti speciali di varia tipologia, per sversarli ad Acerra.

Ma veniva beccato dai caschi bianchi, che lo denunciavano alla Procura della Repubblica di Nola per sversamento illecito di rifiuti e che lo sanzionavano anche per violazione delle norme, che impongono di non spostarsi tra le province della Campania causa Covid-19, salvo comprovate ragioni di necessità.

Dopo aver sottoposto a sequestro il mezzo, i poliziotti municipali redigevano e trasmettevano alla Procura nolana, unitamente ad un rilievo fotografico, una dettagliata informativa di reato.

Intanto l’anziano veniva multato, anche per aver violato l’Ordinanza sindacale anti-prostituzione (la n.54 ndr), in vigore dallo scorso 2 novembre e fino al 31 gennaio prossimo, in quanto aveva cercato di adescare una prostituta, che esercita al confine della zona Asi.

Agli agenti che lo sanzionavano, ammetteva candidamente le ragioni della sua trasferta, che lo aveva portato dai territori dell’Irpina a quelli del napoletano. La sanzione per aver violato la suddetta Ordinanza oscilla tra i 25,00 ed i 500, 00 euro. Ma la sensazione è che quest’incivile faccia parte di coloro, che non hanno nulla da perdere.

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker