Vittoria conosce bene tutta la Provincia di Napoli. Ma non dove si trova la sede del Consiglio regionale

Archiviato l’esito delle regionali del 20 e del 21 settembre scorsi, già avevamo scritto dell’elezione a consigliere regionale di Vittoria Lettieri, la 21enne figlia del primo cittadino Raffaele, eletta nelle fila della lista De Luca Presidente con 11.147 preferenze, di cui 7152 conseguite ad Acerra e le restanti negli altri Comuni.

E per restanti intendiamo ben 4 mila preferenze, senza le quali la giovane studentessa universitaria di Giurisprudenza non sarebbe stata eletta. Amministratrice regionale, che ha invitato a votare per il presidente uscente Vincenzo De Luca, che proprio il padre Raffaele accusava, ad esempio, di non provvedere a bonificare il nostro territorio.

La giovane, quindi, sedendo tra i banchi dell’emiciclo dell’aula consiliare regionale riservata ai Consiglieri di maggioranza, avrà di certo voce in capitolo, quando potrebbero essere deliberate scelte eventualmente lesive per il nostro già martoriato territorio, soprattutto sotto il profilo ambientale, a partire dagli insediamenti di aziende inquinanti o dalle mancate bonifiche del nostro territorio.

Ma se durante il periodo della campagna elettorale la giovane candidata si era affidata ad una serie di video (magistrale quello in cui cammina a piedi nudi nella nuda terra e secondo solo a quello di Mino Damato, che nel 2007 camminò sui carboni ardenti), dopo essere stata eletta ha affidato alla stampa le sue prime dichiarazioni. Fonti non solo di ilarità, ma anche di riflessioni.

La prima intervista è rilasciata in data 24.09.2020 al Quotidiano del Sud, che inizia testualmente: “Ho girato la provincia di Napoli palmo a palmo, incontrando ed ascoltando tanta gente…”. E qui una domanda sorge spontanea: considerato che la provincia di Napoli è composta da ben 92 Comuni, alcuni dei quali contano circa 100 mila abitanti; altri hanno un’estensione territoriale molto vasta ed altri sono raggiungibili solo via mare o via cielo, come ha fatto la protagonista del video-speranza, a girare palmo a palmo un territorio così sterminato, qual è la provincia napoletana? Mistero!

Certo, la mappa delle preferenze ottenute nei vari Comuni sembrerebbe supportarla, visto che sono solamente 3 i Comuni, nei quali non ha conseguito nemmeno un voto. Mentre in altri vanta numeri importanti, come Napoli (596 voti); Pomigliano (195 voti); Caivano (170 voti); Afragola (155 voti); ecc.

Ma secondo alcuni esperti politologi locali, tali preferenze potrebbero essere riconducibili anche “all’invasione” nel tessuto socio-economico-lavorativo acerrano di elementi esterni, che potrebbero essere sia le ditte non locali, vincitrici delle gare d’appalto bandite dall’Ente comunale, sia i dipendenti comunali “forestieri”, che lavorano al Comune di Acerra (potremmo citare ad esempio Cardito?) sia i consulenti esterni, ai quali vengono affidati incarichi vari e così via.

Altro quotidiano, “Il Mattino”, datato 27.09.2020 ed altra intervista nella quale l’aspirante Magistrato, alle domande poste, tra l’altro dichiara: “Non vedo l’ora che si insidi il Consiglio regionale. Avrò tanto da apprendere, perché so di non sapere, ma credo di poter dare anche tanto alla mia terra.

E’ ovvio che dovrò imparare il funzionamento di un’istituzione come il Consiglio regionale, ma non mi spaventa apprendere”. Insomma, viene spontanea tirare in ballo il famoso detto, “mentre il medico studia, l’ammalato muore”. Perché anche in politica, come nella vita, il successo e l’affermazione non possono prescindere dalla necessaria gavetta.

Poi il giornalista le pone una domanda clou: Perdoni la provocazione, ma dove si trova il Consiglio regionale?A Palazzo Santa Lucia” – risponde la Consigliera. Ma lì c’è la Presidenza del Consiglio – ribatte il cronista.

Ah, il Consiglio è al Centro Direzionale. Avevo compreso male la domanda” – ribatte Vittoria, cercando di rimediare alla clamorosa gaffe. E pensare, che c’è chi scrive: “Capolavoro politico del sindaco Lettieri, una mossa politica formidabile”. Sarà.

Chiudiamo, poi, con il manifesto che recita: “Lettieri è la Vittoria di tutti”, dove la mandataria elettorale è riportata a caratteri, che si leggono a stento. Eppure trovo bello, che una mamma celebri la figlia neo eletta. O no?

 

Joseph Fontano

 

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker