D’Errico: “Il sistema politico è marcio. Lettieri e la sua amministrazione non sono i padroni della città”.

Bisogna smetterla di usare la popolazione campana ed i lavoratori come merce di scambio, così come avviene anche ad Acerra. Lettieri e la sua amministrazione non sono i padroni della città”.

Queste le parole di Giovanni D’Errico, storico manifestante acerrano per i diritti dei lavoratori che fanno parte dei Consorzi Unici di Bacino. Lunedì 7 settembre iniziava una tre giorni di manifestazioni, per alzare ancora una volta l’attenzione, su quanto accade ai lavoratori del Cub, costretti da anni a vivere senza stipendio regolarmente corrisposto, senza contributi e sicurezze.

“Oltre dieci anni senza nessun tipo di occupazione non solo ad Acerra, ma in tutti i territori campaniprosegue D’Erricoed in più la politica regionale e locale fanno opere, per incrementare i loro interessi, ma di fatto non fanno niente per il popolo, per i precari e per i disoccupati. Non parlo di soldi ma anche dei minimi bisogni alimentari. E’ una vergogna. Non si può votare nessuno di queste persone”.

Il manifestante quindi annunciava, di voler manifestare nei pressi del Castello baronale, del Comune e della Cattedrale a piazza Duomo.

Sono tre tappe importanti nel corso della nostra storia di lavoratori, che lottano per i loro diritti. In questi luoghi abbiamo provato ad attirare l’attenzione dei nostri amministratori i quali, invece di aiutarci, hanno solo fatto inutili promesse. Mi attendo una grande partecipazione di colleghi e di comuni cittadini, per protestare insieme contro questo sistema marcio, che ci vede soltanto come numeri e voti”.

D’Errico poi ricorda di un incontro avuto con i Capigruppo consiliari alla fine di luglio scorso, durante il quale partecipò anche il sindaco.

Ma alla fine – conclude il lavoratore – nessuno ci ha saputo dare un aiuto o ha avanzato una proposta. Lettieri ricopre la carica di primo cittadino da oltre 8 anni ma mi chiedo: cos’ha ha fatto a favore delle politiche occupazionali? Quanti posti di lavoro ha creato, eccezion fatta per quelli nella macchina comunale, Vigili Urbani compresi?”.

Il rappresentante dei SìCobas Acerra punta poi anche alle prossime elezioni regionali e dice: “Ci sono persone che si candidano e che trattano questa città, come se fosse loro. Non è possibile continuare a votare questi personaggi, che poi per Acerra e la Campania non hanno fatto niente.

C’è poi chi si candida con De Luca, ossia con colui che, da anni, ci snobba e ci prende in giro, sia sul tema del lavoro che su quello ambientale. Non si può continuare ad andare avanti così”.

 

Antonio Pannella

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker