“Non sei una buona musulmana”: sfascia auto e casa della sorella “troppo occidentale”

Non sei una buona musulmana”: distrugge auto e casa della sorella, 23enne arrestato. E’ quanto accadeva in pieno centro storico, quando i Carabinieri della locale stazione, diretti dal Comandante Giovanni Caccavale, bloccavano un algerino giunto in Italia da due settimane.

Il giovane, di fatto, aveva reso impossibile la vita della sorella, stabilendosi nella sua abitazione, con l’intenzione di darle indicazioni sullo stile di vita da seguire. Accusava, infatti, la donna di tenere un comportamento non idoneo a quello di “una buona musulmana”.

Diverse le liti consumatesi tra i fratelli, che hanno costretto le Forze dell’Ordine ad intervenire più volte. Lunedì scorso i Militari dell’Arma sorprendevano il giovane, che lanciava pietre contro la finestra dell’appartamento.

In precedenza l’auto della 30enne aveva subito diverse ammaccature e la stessa abitazione era stata messa a soqquadro. Per l’algerino sua sorella aveva comportamenti “troppo occidentali”, sia nell’abbigliamento (non indossava il burqa), sia perché fumava.

Di qui scattava l’arresto per maltrattamenti in famiglia e danneggiamenti. Dopo le formalità di rito il ragazzo veniva trasferito in carcere, in attesa dell’udienza di convalida. Nello specifico il 23enne era stato sorpreso dai Carabinieri, mentre si stava arrampicando alla ringhiera, per raggiungere l’abitazione dopo che la sorella, esasperata, aveva deciso di vietargli l’ingresso.

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker