Blitz del Consigliere Auriemma presso l’isola ecologica non presidiata e vandalizzata

Era il Consigliere comunale Carmela Auriemma ad effettuare, lo scorso 16 febbraio, un blitz (l’ennesimo) presso l’isola ecologica, sita in località Frassitelli, in aperta campagna e lontana dal centro cittadino, chiusa per circa tre mesi per i necessari lavori di adeguamento e per i quali furono spesi decine di migliaia di euro e poi finalmente riaperta al pubblico. Ma divenuta, inevitabilmente, oggetto di nuovi e continui atti vandalici e sottoposta a furti alla fine dell’anno scorso.

Dopo quelli perpetrati già il 12 settembre del 2019, quando i soliti ignoti si introdussero all’interno del centro di raccolta, forzando il cancello del passo carraio con tanto di danni arrecati alla sbarra, posta davanti all’ingresso. Furono asportati l’impianto DVR, ossia il sistema di registrazione delle telecamere di sorveglianza (quindi anche i filmati del furto), alcuni elettrodomestici depositati tra i rifiuti ingombranti e gli impianti elettrici dai muri.

Per fortuna non furono portate via le pompe di sollevamento, il cui costo ammonta a circa 12 mila euro. Ma i danni alla struttura erano talmente ingenti, da comportarne la chiusura al pubblico per diversi giorni, fino al ripristino della stessa. Perdurando tale stato di cose, Auriemma si recava sul posto e pubblicamente denunciava, dicendo:

“Già durante il Consiglio Comunale del 25 ottobre 2017 precisammo, che le due isole ecologiche di Acerra devono essere presidiate, come prevede il Decreto Ministeriale dell’8 aprile 2008. E ciò, anche per sottrarli alle cattive intenzioni di chi, introducendosi all’interno delle stesse, potrebbe incendiare i rifiuti ivi presenti. Con conseguente disastro ambientale prodotto.

Il Decreto Legislativo n.152/2006, inoltre, all’art.183 comma 5 specifica che “il centro di raccolta è un’area presidiata ed allestita senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica per l’attività di raccolta differenziata dei rifiuti urbani…”.

In verità – proseguiva l’esponente dell’opposizione – l’anno scorso denunciammo anche lo stato di degrado, in cui versava l’isola ecologica di via Mulino Vecchio. A distanza di un anno, adesso, vi segnaliamo che la struttura in zona Frassitelli versa in un totale stato di abbandono, nonostante siano stati spesi migliaia di euro di denaro pubblico per il ripristino della stessa.

Riteniamo che questa struttura sia molto importante, ai fini di una migliore gestione della raccolta dei rifiuti e per mantenere o incrementare la percentuale della raccolta differenziata in città. Ed anche per evitare le scene di abbandono dei rifiuti all’esterno della struttura.

Di certo non aiuta la mancata comunicazione ai cittadini, attraverso l’affissione di manifesti murali, della temporanea chiusura della struttura. Il che eviterebbe, che questi si rechino inutilmente presso il centro raccolta, per conferire i rifiuti.

Pertanto, occorre necessariamente che l’isola venga ripristinata e che sia dotata di strumenti, quali gli impianti di videosorveglianza e di misure di prevenzione e di sicurezza, quali ad esempio un presidio, i cui costi vanno addebitati al gestore, per evitare ulteriori furti ed atti di vandalici.

Oltre a ciò – aggiungeva l’irriducibile Consigliere – a breve convocherò anche una Commissione consiliare di Vigilanza, per chiedere al Dirigente al ramo quali iniziative intende intraprendere, visto che molti dei punti del Capitolato d’Appalto non vengono rispettati.

Infatti la società Tekra, che svolge il servizio di igiene urbana in nome e per conto del Comune ad oggi risulta ancora inadempiente, nel rispettare una serie di punti del suddetto Capitolato e del contratto sottoscritto con l’Ente comunale.

Primo tra tutti l’edificazione del centro servizi o cantiere, che dir si voglia. Un’opera essenziale anche per lo svolgimento del servizio da parte dei dipendenti della società salernitana e di cui, però, il Sindaco non fa mai menzione nei tanti video, che ci regala sui social”.

 

Joseph Fontano

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker