Tardi: “O l’Amministrazione denuncia i giornalisti o il Bilancio di Previsione non è veritiero”.

Tra i punti all’ordine del giorno affrontati durante il Consiglio comunale dello scorso 20 dicembre e tenutosi in un’aula consiliare quasi deserta, c’era quello inerente all’approvazione della Delibera di Giunta n.171 del 20.11.2019, avente ad oggetto “l’approvazione dello schema di Bilancio di Previsione Finanziario 2020/2022”.

Un atto amministrativo poi approvato con 16 voti favorevoli e 3 contrari ed illustrato in aula dall’Assessore alle Politiche Finanziarie Gerardina Martino. Ovviamente non poteva non risuonare in aula l’eco delle posizioni debitorie del Comune nei confronti di soggetti terzi e, in primis, della Fibe e di cui si riferiva in precedenza.

Pertanto ad aprire le danze era il vulcanico Consigliere Domenico Tardi, il quale diceva: “Non vedo appostate nel Bilancio comunale le somme divulgate dai giornali in questi giorni (riferimento al quotidiano “Roma” ed al periodico ’“Oblò” ndr). Se il Bilancio è stato redatto in modo veritiero, allora l’amministrazione comunale deve denunciare i giornalisti, che hanno divulgato i dati, che qui leggo.

Mentre ai Consiglieri comunali non è consentito esserne a conoscenza. Se invece è conforme a quanto divulgato dalla stampa, allora non lo reputo veritiero. Tra l’altro – incalzava Tardi – non vedo inseriti gli oneri concessori dovuti dai costruttori per circa 6 milioni di euro”.

Critica avverso il Bilancio era anche il Consigliere Paola Montesarchio che, tra l’altro, dichiarava: “Il mio voto non è solo legato ad una valutazione del documento di bilancio presentato, ma anche agli ultimi anni di quest’amministrazione.

Ed è un voto decisamente contrario. E’ un Bilancio di Previsione, in cui è difficile intravedere posizioni debitorie, che pure ci sono. Dire che l’amministrazione acerrana è efficiente, perché è tra le prime ad approvare il Bilancio comporta anche che, tra qualche mese, ci ritroveremo qui, a votare continue variazioni. Per quanto riguarda la tassa sui rifiuti – proseguiva il Capogruppo del Partito Democratico – evidenzio la sciagurata gestione del servizio di raccolta dei rifiuti da parte della società Tekra e non si vede neppure una progettualità che, attraverso la differenziata, sia capace di trasformare il rifiuto in risorsa, con un beneficio di costo per i cittadini.

Mancano atti coraggiosi su: scuole; trasporto pubblico; imprese; ambiente; agricoltura, a cui restano anche in questo bilancio le briciole. Siamo tra periferie abbandonate, zero politiche di rilancio del commercio ed assenza di interventi su sicurezza, arredo urbano, mobilità sostenibile ecc.”.

 

Joseph Fontano

You May Also Like

About the Author: Redazione

eXTReMe Tracker