Lettieri: “E’un bilancio che mostrerà i suoi benefici fiscali l’anno prossimo”.

A replicare nell’aula consiliare all’intervento del Consigliere Carmela Auriemma era un visibilmente imbarazzato e teso Lettieri il quale, con i soliti toni propagandistici, diceva: “Il Comune sta lavorando molto, per fare una manovra di equità fiscale con riduzione delle tasse ai contribuenti, che vedranno i benefici sulle loro bollette l’anno prossimo.

Il contrario di ciò che dicono al Governo. Ciò viene dal lavoro delle Commissioni e dell’Assessorato al Bilancio, che poi sarà seguito dall’approvazione del Piano Economico Gestionale. Abbiamo confermato i servizi erogati anche alle fasce deboli. Intanto – proseguiva il primo cittadino – un Consigliere presenta emendamenti, che spostano somme da un capitolo all’altro.

Un altro, invece, dice che il Bilancio non è trasparente e quindi non ci si può mettere mano. Io le ritengo fake news scritte da qualcuno e lette in Consiglio comunale. Quindi non si possono votare emendamenti ad un bilancio non trasparente.

Vedo che si parla dell’inceneritore, che io reputo un inquilino, che si deve sfrattare. Ma fino a quando sta qui, deve versare all’Ente i ristori ambientali. E circa le somme richieste dalla Fibe, noi le contrastiamo fino all’ultimo grado di giudizio, perché abbiamo responsabilità di Governo. La vicenda dell’inceneritore non c’entra con il bilancio ed abbiamo scritto anche al Ministero, che ci ha risposto. Sulle somme richieste dalla società Fibe c’è qui il Dott.Gennaro Cascone, che può fornire le delucidazioni richieste”.

Dirigente che, sollecitato dall’opposizione a fornire chiarimenti, riferiva in aula, lasciando però più di qualche perplessità. E diceva: “In bilancio, con la creazione di un nuovo fondo per spese di Contenzioso, c’è la copertura delle somme richieste dalla società Fibe.

Un fondo che conta 2 milioni di euro in più, oltre a quelli già appostati. Si tratta di debiti scaduti e già messi a bilancio, interessi maturati compresi. Non vi sono motivi di preoccupazione, perché non abbiamo mai avuto problemi a pagare e perché sono somme messe nel computo dei residui passivi dell’Ente. Il Comune, come altri, tende sempre a perseguire l’istituto della compensazione, visto che ci sono dovute somme derivanti dai ristori ambientali”.

Di certo, sapendo che qui non è possibile usufruire di nessuna compensazione, la risposta del Dirigente lasciava inevasa una semplice domanda, ossia: perché fino ad oggi non si sono pagati i debiti, su cui gravano penali, interessi, diffide, messa in mora ed un Commissario ad Acta?

Intanto, a conclusione dei lavori della Pubblica Assise, interveniva il Presidente Andrea Piatto il quale, pur votando favorevolmente all’approvazione del Bilancio di Previsione, precisava che “la vicenda delle somme richieste dalla Fibe parte dalla Delibera di Consiglio comunale n.55 del 27.12.2010, alla quale io votai contro.

Infatti l’accordo siglato tra l’allora Commissario straordinario del Comune Latella e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, prevedeva che lo stesso andasse in vigore dal 16.12.2005 e che le somme dovute fossero prive di penali ed interessi”.

Durante lo stesso Consiglio comunale, inoltre, Lettieri affermava che “il Consigliere Auriemma spreca fogli di carta, per produrre inutili emendamenti”. Lui invece spreca molte occasioni, per stare zitto.

 

Joseph Fontano

You May Also Like

eXTReMe Tracker