Incontro “riservato” in Prefettura tra il Consigliere Auriemma ed il Prefetto Pagano

Tra i vari episodi accaduti in piena estate, di cui dover dare conto ai lettori c’era anche l’incontro, tenutosi in Prefettura a Napoli a porte chiuse nella mattinata di lunedì 5 agosto, tra il Consigliere comunale Carmela Auriemma ed il Prefetto di Napoli Carmela Pagano.

Ad accompagnare la coriacea esponente pentastellata che, alcuni mesi fa, unitamente al Consigliere comunale Paola Montesarchio (Pd), era stata denunciata dal Segretario generale dell’Ente comunale Maria Piscopo, la quale sosteneva di essere stata diffamata e danneggiata nella sua immagine professionale, c’era il Consigliere di Pomigliano d’Arco Dario De Falco, capo della Segreteria politica dell’ex Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio. Ovviamente era top secret il motivo dell’incontro che, molto probabilmente, era stato sollecitato proprio dall’ex Vice-premier.

Non erano chiari i motivi della riunione, anche se si poteva ipotizzare, che il faccia a faccia con il massimo rappresentante del Governo (ovvero il Prefetto di Napoli) fosse legato alla vertenza relativa alle varie deleghe assegnate nel corso degli anni alla Segretaria generale del Comune di Acerra. La vicenda, che si protrae da alcuni mesi, ha portato anche alla suddetta querela da parte del Segretario comunale.

Una vicenda intrigata, divenuta oggetto di intervento alla Camera ed al Senato da parte di alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico ed oggetto di un’interrogazione parlamentare indirizzata al Ministro degli Interni.

Fino alla redistribuzione, in data 24.07.2019, degli incarichi tra i Dirigenti dell’Ente comunale da parte del Sindaco Lettieri, attraverso il Decreto sindacale n.9, con tanto di sottrazione al Segretario generale della delega relativa all’Ufficio speciale per la raccolta differenziata e all’Igiene Urbana. Un incarico “pesante”, che è stato assegnato quasi ininterrottamente alla stessa per nove anni.

Naturalmente nel Decreto non c’è la motivazione, per la quale la delega sia stata assegnata ad un altro Dirigente comunale, proprio nel mentre il delicato servizio della raccolta differenziata stava lentamente migliorando dopo la nomina del Direttore Esecutivo del Contratto (Dec) che, a rigor di logica, è il punto di riferimento del Dirigente all’Igiene Urbana.

Tornando all’incontro in Prefettura, non è da escludere che, al termine dello stesso, il Consigliere abbia successivamente redatto una dettagliata relazione, da trasmettere (sempre che non l’abbia già fatto) al Prefetto del capoluogo partenopeo, contenente alcune delle maggiori criticità evidenziate e denunciate dalla stessa Auriemma durante questi primi due anni di attività amministrativa, svolta dai banchi dell’opposizione cittadina.

Di certo non è la prima volta, che politici nazionali, regionali e locali incontrano il rappresentante della Prefettura, nel vano tentativo di ripristinare la cosiddetta “trasparenza” all’interno della macchina comunale, per parlare della valanga di incarichi amministrativi assegnati al Segretario generale che, secondo il Testo Unico degli Enti Locali, ha l’onere del controllo sull’operato dei Dirigenti e dei funzionari comunali.

 

Ni.Pa.

You May Also Like

eXTReMe Tracker