Commissione Politiche del Territorio: accolta la petizione del Movimento 5 Stelle sulle strisce blu

Lo scorso 15 febbraio si svolgeva la seduta della Commissione consiliare Politiche del Territorio, presieduta dal Consigliere comunale Paolo Rea. All’ordine del giorno c’era l’accoglimento o meno, da parte della Commissione, della petizione popolare promossa dal Movimento 5 Stelle, a sostegno della proposta avanzata dal Consigliere comunale Carmela Auriemma, circa la questione relativa alla sosta a pagamento. Ecco di seguito il testo.

“I sottoscritti cittadini chiedono a quest’Amministrazione: che la sosta a pagamento sia prevista unicamente lungo le vie principali della città, con costo massimo di 1 euro per ora. Che sugli stalli a pagamento sia prevista l’esenzione della tariffa per i disabili e le donne in stato di gravidanza. Che sugli stalli a pagamento sia prevista la possibilità di abbonamenti annuali per i residenti in prossimità.

L’organizzazione di un sistema di mobilità cittadina che consenta di raggiungere agevolmente tutti i punti della città con i mezzi pubblici. La costruzione di nuove aree di parcheggio pubbliche in prossimità dei punti di interscambio dei mezzi di trasporto (pubblici/privati)”.

Petizione che, sostanzialmente, veniva accolta dai componenti della Commissione, fermo restando la necessità di approfondire qualche punto. Ad intervenire era il Consigliere Auriemma, che diceva:

“La questione non è tanto quella delle strisce blu in quanto tali, ma la riduzione della tariffa delle stesse, visto che a Pomigliano il costo è di 0,50 euro all’ora. Di introdurre poi la possibilità di un abbonamento, di prevedere le strisce rosa per le donne in dolce attesa e di esentare dal pagamento delle stesse i diversamente abili.

Che non possono rientrare mai in quel discorso sulla mobilità sostenibile, portata avanti dal Sindaco, proprio perchè hanno una necessità, a dover usare l’auto per spostarsi. Soggetti che nei pressi di strutture pubbliche quali l’Asl, gli Uffici Postali ed altre trovano pochissime strisce gialle.

Purtroppo – proseguiva l’esponente pentastellata – l’ultimo Piano Urbano Traffico risale al 2006 e va rifatto. Così come non c’è un Piano Urbano della Mobilità Sostenibile.

Inoltre le strisce bianche sono in un numero inferiore rispetto a quelle previste e da qui nasce l’avversità delle persone contro le strisce blu e, di riflesso, contro la pista ciclabile di Corso Vittorio Emanuele, che non viene vissuta come un elemento, che migliora la città ma come un problema.

Occorre poi – aggiungeva la professionista – predisporre un sistema di mobilità cittadina, che consenta di raggiungere agevolmente tutti i punti della città con i mezzi pubblici, nonché l’individuazione e la costruzione di nuove aree di parcheggio pubbliche”.

Favorevole alla petizione si mostrava anche il Consigliere Domenico Zito, il quale sottolineava che “essa permette di rilevare tante criticità e di poterle migliorare, comprese quelle che caratterizzano il parcheggio pubblico ricavato presso le Ferrovie dello Stato, che andrebbe ampliato ed illuminato maggiormente”.

E mentre il Consigliere Paola Montesarchio ricordava che “la maggioranza, durante il Consiglio comunale del 30 gennaio 2019, aveva respinto gli emendamenti presentati in proposito dall’opposizione e che non aveva fornito indicazioni nuove e significative in materia”, il Consigliere Gallo Aquilino diceva:

“La soluzione dell’abbonamento non mi trova d’accordo. Infatti, se stiamo cercando di liberare, ad esempio, Corso Vitt.Emanuele, dalla presenza delle auto, che sostano per l’intera giornata, con l’abbonamento si va nella direzione opposta. Per quanto riguarda la pista ciclabile, spero che i risultati si vedranno in estate, stagione più favorevole all’utilizzo della bici”.

Interveniva anche il Consigliere Rea, il quale dichiarava: “Con i residenti che sostano le proprie vetture all’interno delle corti; i Vigili Urbani che effettuano i controlli alla sosta e con il piano traffico che, sembra, sarà affrontato con l’approvazione del nuovo Piano Urbanistico comunale, la mobilità sostenibile troverà sempre più linfa. Sulle tariffe posso anche essere d’accordo per una rivisitazione delle stesse”.

 

Joseph Fontano

Ti potrebbero interessare i seguenti articoli

eXTReMe Tracker