Addio al Maestro De Falco, ha girato il mondo con il suo clarinetto

Ha combattuto fino all’ultimo, ma alla fine il 63enne Maestro di clarinetto Giovanni De Falco, uno dei tanti illustri figli di questa terra, è stato costretto ad arrendersi alla volontà divina, lasciando attoniti e basiti quanti gli volevano bene e lo stimavano. La notizia del prematuro decesso, verificatosi lo scorso 26 febbraio, in pochi minuti faceva il giro del web. Tra i primi a postare un ricordo di De Falco, è stato il Maestro Modestino De Chiara, amico da sempre del più giovane collega.

“Giovanni De Falco è stato un eclettico musicista e concertista. Comunicò con il suo clarinetto il messaggio superiore dei sentimenti e della bellezza dell’arte musicale. Alla culla dei musicisti di Acerra iniziò la sua fulgida carriera, svolta poi nei Conservatori di Musica e nelle Orchestre. Ha girato il mondo con la sua arte, senza mai abiurare le sue origini.

Dagli Stati Uniti d’America a Salisburgo, si esibì in grandi esecuzioni.

Il suo ultimo desiderio fu quello di insegnare nella Scuola di Musica più importante del mondo: il Conservatorio di Musica di San Pietro a Majella di Napoli, dove pure si formò. Lì, sulla cattedra del suo Maestro, svolgeva il suo magistero. Lì, nella Scuola di tanti eletti musicisti, compresi tanti Maestri di Acerra, un male gli ha impedito di concludere la sua brillante carriera”.

Parole forti, dettate dal cuore. Il Maestro De Falco, che viveva a Salerno, tornava spesso nella sua Acerra e, nonostante i suoi importanti riconoscimenti internazionali, è stato sempre un uomo semplice ed umile, che si è sempre prodigato per i più deboli.

 

Ni.Pa.

You May Also Like

eXTReMe Tracker