Carnevale, si attende la decisione della Commissione comunale di Vigilanza Pubblico Spettacolo

Relativamente all’evento denominato “Carnevale Acerrano 2019”, di cui riferivamo in precedenza, con riferimento alla convocazione, lo scorso 15 febbraio, presso la sala Giunta del Comune, della Commissione comunale di Vigilanza Pubblico Spettacolo, al fine di far esprimere ai componenti della stessa il parere di competenza per la sfilata dei carri allegorici, questa si rivelava interlocutoria e produceva sostanzialmente un nulla di fatto.

Per cui i lavori venivano aggiornati a mercoledì 20 febbraio e lo slittamento si rendeva necessario, per la mancanza della documentazione varia. A presiedere i lavori, iniziati con circa due ore di ritardo, c’era il Vice-Sindaco Cuono Lombardi. Presenti inoltre anche il Vice-Comandante della Polizia Municipale Ten.Domenico De Sena; il Dirigente dell’Ufficio Tecnico comunale Ing.Giovanni Soria; il responsabile dell’U.O.P.C. dell’Asl Napoli 2 Nord Dr.Antonio Rea e l’ispettore dei Vigili del Fuoco Raffaele Vastarella.

In rappresentanza dell’associazione di volontariato promotrice dell’evento c’era l’Arch.Clemente Delle Cave responsabile, tra l’altro, del Piano Sicurezza. Ovviamente sui lavori della Commissione vigeva il massimo riserbo ma, per quanto trapelava, sembra che la documentazione messa a disposizione del rappresentante dei caschi rossi (relativa alla sfilata dei carri allegorici) sia stata ritenuta carente.

E non poteva essere altrimenti, visto e considerato che fino all’anno scorso la sfilata dei carri, è stata autorizzata sulla scorta delle (semplici e facili ndr) autocertificazioni sottoscritte dai responsabili dei carri e senza tenere conto delle normative vigenti.

Nel corso dei giorni successivi gli organizzatori avrebbero dovuto fare le corse, per riuscire a mettere le cose a posto, evitando che la manifestazione venga annullata.

In mancanza dei necessari requisiti tecnici e a tutela dell’incolumità di chi partecipa alla festa (che al Comune costerà 40 mila euro di co-finanziamento), solo un folle potrà accollarsi la responsabilità, di autorizzare la manifestazione che, a torto o a ragione, necessita di svolgersi in un’area interdetta alla circolazione, ovvero su un circuito, protetto in ogni modo e nel pieno rispetto delle normative attuali, invocate a voce alta in una lettera indirizzata al Sindaco dagli stessi organizzatori dell’evento.

 

Nino Pannella

 

Ti potrebbero interessare i seguenti articoli

eXTReMe Tracker