Consiglio comunale, Lettieri dichiara: “Resto fino a fine mandato per il bene di Acerra”

Oltre al dibattito politico, tenutosi durante il Consiglio comunale datato 30.01.2019, sulla questione refezione scolastica e sosta a pagamento ed alla già citata bagarre scoppiata in aula ed innescata dalle parole del Sindaco, questi chiariva ai presenti e non le sue intenzioni, in vista degli appuntamenti elettorali prossimi a venire.

“Questo sindaco e quest’amministrazione sono impegnati su tutte le problematiche – dichiarava Lettieri – e rimarrò in questo Consiglio comunale fino alla fine del mandato, che scade nel 2022. Rimarrò ad amministrare la mia città. Mi è stato affidato un mandato dai miei concittadini, senza candidarmi da nessuna parte. Che sia chiaro, non mi candido”.

Parole ripetute per ben due volte anche in un altro passaggio, durante la seduta del Civico consesso. In tal modo Lettieri rompeva ogni indugio e spazzava via le ipotesi, che da alcune settimane qualcuno ripeteva in città, in merito ad una sua possibile candidatura alle future elezioni regionali.

Circostanza che, per il sistema di voto, avrebbero dovuto richiedere le sue dimissioni da primo cittadino sei mesi prima della tornata elettorale ed un anno e mezzo prima della scadenza del mandato elettorale che finisce, appunto, nel 2022. Il primo cittadino ribadiva, che non si candida per coerenza ed amore della città, nonché per rispetto dell’elettorato che lo ha votato, a giugno 2017, con il 64% dei consensi, consentendogli di ottenere 21.002 voti.

Infatti, proprio rispondendo agli interventi provenienti dalle opposizioni, la fascia tricolore esordiva, annunciando che non ha alcuna intenzione di abbandonare prima del tempo il mandato elettorale conferitogli, “in contrasto con la volontà dei cittadini, di essere amministrati da quest’amministrazione. Resteremo a lavorare per la città fino all’ultimo giorno”.

You May Also Like

eXTReMe Tracker