Bene l’Ordinanza sindacale, ma il pericolo per la pubblica e privata incolumità persiste

Un’Ordinanza contingibile ed urgente (la numero 50) di messa in sicurezza dell’edificio, sito a via Conte di Acerra, veniva emessa dal Sindaco Lettieri in data 14.11.2018. Infatti, a seguito di un sopralluogo effettuato in pari data da un tecnico comunale, questi rilevava la caduta parziale di pezzi di tavelloni e di intonaco dall’estradosso del balcone dell’immobile al primo piano.

E considerata la persistenza del pericolo di ulteriori probabili distacchi di pezzi del suddetto materiale edile, ne concludeva che si rendeva necessaria l’emissione di un’Ordinanza sindacale per l’esecuzione dei lavori, atti ad eliminare lo stato di pericolo.

Si procedeva, quindi, ad individuare i proprietari dell’immobile e a notificargli la sopra citata ordinanza, a seguito della quale essi dovevano provvedere, ad horas, all’eliminazione del pericolo per la pubblica e privata incolumità entro e non oltre il termine di 30 giorni dalla data di notifica dell’atto (notificato agli interessati il 21 novembre scorso), con l’obbligo di presentare al RUP, il Dirigente comunale Salvatore Pallara, certificazione sottoscritta da idoneo professionista, attestante l’eliminazione del pericolo e l’avvenuto ripristino delle condizioni di sicurezza.

Ma anche di provvedere all’esecuzione di tutte le opere di restauro e di tutti i luoghi soggetti a criticità. Incaricato dell’esecuzione dell’Ordinanza è il Comando della Polizia Municipale. Adesso spazio a qualche riflessione.

Infatti per molte settimane, proprio per la presenza dei suddetti pericoli per la pubblica e privata incolumità, il Comune aveva transennato l’area “incriminata”, con l’apposizione di transenne. Adesso, invece, che il pericolo persiste, non solo l’Ordinanza sindacale non ha obbligato i proprietari del manufatto, ad apporre le transenne.

Ma quantunque siano adesso essi i responsabili di eventuali danni a cose e persone, al di sotto del balcone si può tranquillamente sostare o transitare!!

Allora occorre prima registrare qualche decesso o qualche ferimento, prima che l’area di pericolo venga transennata, anche dal Comune? Ed i poliziotti municipali, diretti egregiamente dal Comandante Felice D’Andrea, hanno svolto le proprie e dovute funzioni di controllo, relazionando in merito?

 

Joseph Fontano      

Ti potrebbero interessare i seguenti articoli

eXTReMe Tracker