Dalla “Terra dei Fuochi” alla “Terra del Buono”: il Campo Eubiotico del Progetto EcoFoodFertility

Venerdì 6 ottobre a Cimitile presso il campo di produzione del Pomodoro San Marzano della “Cooperativa Agricola Eccellenze Nolane” si è svolta in un clima di grande partecipazione con ricercatori del CNR, di diverse Università, medici, presidi, studenti, sindaci, deputati dell’area, giornalisti, nutrizionisti, la manifestazione di inaugurazione del secondo “Campo eubiotico”, Orto della Fertilità, del progetto di Ricerca EcoFoodFertility, dopo quello inaugurato ad Acerra a giugno in contrada Sannereto, nel campo di Salvatore Di Sena, giovane agriCultore che, da anni, coltiva secondo tecniche agroecologiche, continua il suo percorso di promozione, verso chi utilizza sistemi sostenibili di coltivazione, senza l’uso di pesticidi, per la salvaguardia dell’ambiente e della salute.

L’evento, per l’impatto non solo scientifico, ma anche socio-educativo verso soluzioni concrete per il riscatto dell’immagine delle produzioni agricole di eccellenze dell’agricoltura campana ed in particolare proprio della “Terra dei Fuochi”, è stato riportato da molteplici mezzi di comunicazione e quotidiani.

Infatti lo staff di ricerca del Progetto di Ricerca EcoFoodFertility, coordinato dal Dott.Luigi Montano, UroAndrologo dell’Asl di Salerno, esperto in Patologia Ambientale e Presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana sta scegliendo, a partire proprio dalla nostra terra, quegli esempi virtuosi di buona e sana agricoltura, per indicare come sul modello della dieta mediterranea ed, in particolare, sulle capacità detossificanti dei prodotti orticoli, a partire dai pomodori, cavoli, broccoli, torzelle (tipica delle nostre aree), zucca, zucchine, ecc. coltivate biologicamente, è possibile controbilanciare e modulare l’impatto degli inquinanti ambientali sulla salute umana.

Infatti il dott.Montano, con il progetto FAST (fertilità, ambiente, alimentazione, stili di vita) finanziato dal Ministero della Salute, sta conducendo in tre aree pilota della penisola a più alto inquinamento (Brescia-Caffaro, Valle del Sacco nel frusinate, Terra dei Fuochi) su 450 maschi sani, non fumatori dai 18 ai 22 anni visite ed esami, in particolare, sullo sperma (che dai suoi primi studi pubblicati rappresenta una spia precoce di danno ambientale e termometro della salute generale) per valutare, con più precisione, sia lo stato di salute, che di contaminazione da inquinanti ambientali, al fine di valutare come e quanto le modifiche dello stile di vita e soprattutto alimentari sul modello dieta mediterranea, i prodotti della Rete Eubiotica della Salute Ambientale (R.E.S.A.) del progetto EcoFoodFertility, selezionati attraverso un protocollo appositamente predisposto, siano capaci di migliorare le difese antiossidanti e favorire i sistemi di detossificazione naturale dell’organismo.

“D’altronde – dichiara Montano – dare concretezza alla battaglia per la salute e per l’ambiente, applicando la scienza al territorio, coinvolgendo gli attori locali, dovrebbe essere il vero fine, di chi vuole davvero bene alla propria terra.

Per cui continueremo nella promozione di chiunque, con la propria attività, valorizza e difende il territorio e le persone che lo vivono e, pur sapendo che la vera prevenzione primaria dev’essere quella di interrompere l’inquinamento, consapevoli però che ciò attiene a misure collettive politiche e di cambio dell’attuale paradigma economico e dello sviluppo, i cui tempi saranno lunghissimi, è comunque possibile fare qualcosa di utile, per difendere il nostro ambiente, orientando la domanda alimentare verso sistemi di produzione rispettosi del territorio e della nostra salute.

Partendo dai nostri stili di vita e dalla nostra alimentazione, di cui la nostra terra che non ha bisogno di pesticidi, perchè di per sè fertilissima, può dare i suoi frutti eubiotici, buoni per la vita, utili per la fertilità e per la detossificazione da inquinanti ambientali”. L’hashtag #intantomidifendo dà infatti il significato pieno a questa fase del progetto!

 

Elvira Castaldo

 

Ti potrebbero interessare i seguenti articoli

eXTReMe Tracker